Top

Liliana Segre minacciata dai no-vax: "Sono costretta a denunciare"

Per la prima volta, la senatrice a vita e testimone instancabile della Shoah, Liliana Segre, ha deciso di denunciare i no-vax dopo l'ennesimo episodio di minacce arrivato proprio in questi giorni.

Liliana Segre minacciata dai no-vax: "Sono costretta a denunciare"

globalist Modifica articolo

9 Novembre 2022 - 22.08


Preroll

La vergogna no-vax contro Liliana Segre ma adesso è l’ora delle denunce: dal 2019 vive sotto scorta a causa delle minacce di morte e degli insulti antisemiti a cui si sono aggiunti anche quelli dei no vax dopo che ha dichiarato di essersi vaccinata contro il Covid. Ma adesso, per la prima volta, la senatrice a vita e testimone instancabile della Shoah, Liliana Segre, ha deciso di denunciare, dopo l’ennesimo episodio di minacce arrivato proprio in questi giorni.

OutStream Desktop
Top right Mobile

«La vita mi ha insegnato a essere libera e senza paura nonostante io sia la più vecchia d’Europa obbligata alla scorta per tutti gli insulti e gli improperi e le minacce di morte che mi vengono fatti anche perché sono si vax, e non una no vax – ha spiegato intervenendo al primo forum delle donne ebree in Italia che si è tenuto a Milano -. Non più tardi di ieri mi è arrivata una maledizione così forte firmata, per cui una volta tanto farò causa a questa persona».

Middle placement Mobile

Per molto tempo la senatrice a vita ha deciso di rimanere in silenzio di fronte a queste persone che, soprattutto attraverso i social, la insultano e la minacciano. «Io per lungo tempo ho sempre avuto un grande silenzio su queste persone che mi insultano, ma adesso basta ho cambiato e lo denuncio – ha proseguito -. Poi è anche di cattivo gusto che mi augurano la morte a 92 anni», ha concluso.

Dynamic 1

Non è la prima volta che Liliana Segre riceve delle minacce per la scelta di vaccinarsi contro il Covid. Gli insulti erano arrivati anche lo scorso anno quando la senatrice a vita si era fatta fotografare all’ospedale Fatebenfratelli di Milano mentre riceveva la prima dose di vaccino. Un gesto per invitare la popolazione a vaccinarsi che però aveva scatenato una tempesta di odio in rete. Una vicenda che si è ripetuta in questi giorni sui social, dove sarebbe comparso un finto articolo di Repubblica in cui la senatrice a vita insultava i no vax, un falso che però ha scatenato gli haters. Da qui la decisione di denunciare.

Durante il forum delle donne ebree a Milano Liliana Segre ha anche spiegato di essere «pessimista» per la poca consapevolezza che c’è riguardo agli ebrei in Italia, e ha raccontato al pubblico un episodio che ha definito «un gossip». «Ho conosciuto un ministro o una ministra di cui non farò il nome – ha raccontato – e gli ho chiesto se sapeva quanti sono gli ebrei in Italia e mi ha detto `1 milione´ e io gli ho risposto che sono molto meno, e lui allora ha incalzato, `sono 700mila. Questo per dire che c’è poca consapevolezza di quanti siamo”

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile