I giovani disertano le università per mancanza di soldi: l'idea di Letta del bonus va subito sostenuta
Top

I giovani disertano le università per mancanza di soldi: l'idea di Letta del bonus va subito sostenuta

Nella scorsa campagna elettorale, Enrico Letta fece il suo esordio proponendo un bonus per i giovani che sarebbe servito per l’appunto a far fronte alle spese per i loro studi. Ma...

I giovani disertano le università per mancanza di soldi: l'idea di Letta del bonus va subito sostenuta
Università
Preroll

David Grieco Modifica articolo

31 Ottobre 2022 - 10.19


ATF

Pur nella consapevolezza largamente anticipata delle elezioni perdute, la sinistra continua a leccarsi le ferite e a quanto pare si trastullerà con il cilicio fino a marzo 2023, quando finalmente andrà a congresso.

Nel frattempo, la destra sta occupando militarmente le stanze del potere e si accinge a prendere di petto gli innumerevoli problemi del paese. Fra i tanti, ce n’è uno troppe volte trascurato che appare oggi sulle prime pagine dei giornali in tutta la sua futuribile drammaticità. I ragazzi italiani disertano le università perché le famiglie, in gran parte, non hanno i soldi per iscriverli. 

Se consideriamo che l’Italia possiede già il triste primato di paese meno e peggio scolarizzato d’Europa, questa notizia non è meno allarmante del caro bollette e le sue conseguenze nel tempo rischiano di essere veramente catastrofiche.

Nella scorsa campagna elettorale, Enrico Letta fece il suo esordio proponendo un bonus per i giovani che sarebbe servito per l’appunto a far fronte alle spese per i loro studi. Il denaro sarebbe stato ricavato da una piccola tassa di successione da prelevare a coloro che avessero lasciato in eredità ai loro figli almeno 5 milioni di euro, tassa che peraltro esiste già da tempo in vari paesi europei.

Leggi anche:  La ministra dell’Università Bernini: “Sul numero chiuso per l’accesso a Medicina si volta pagina”

Enrico Letta, manco a dirlo, venne linciato dalla destra che gridò alla patrimoniale mascherata ma anche da molti elettori di sinistra che considerarono la sua idea politicamente inopportuna e poco furba.

Ora, che ne è di quella idea? Perché Enrico Letta non la ripropone oggi all’attenzione di Giorgia Meloni? Se la premier è intelligente e ha così a cuore i giovani come lascia intendere, potrebbe e dovrebbe prenderla in considerazione, no?

 Non è forse sulle proposte concrete che ci si dovrà misurare per risollevare il paese quando sarà finito un vetusto scontro ideologico di cui tutti ormai hanno piene le tasche?

Native

Articoli correlati