Dottoressa presa a bastonate al pronto soccorso: è la seconda aggressione in pochi mesi
Top

Dottoressa presa a bastonate al pronto soccorso: è la seconda aggressione in pochi mesi

La sfortunata protagonista dei due episodi di violenza è una dottoressa che presta servizio al pronto soccorso dell'ospedale Carlo Poma di Mantova

Dottoressa presa a bastonate al pronto soccorso: è la seconda aggressione in pochi mesi
Dottoressa aggredita al pronto soccorso
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Agosto 2022 - 22.59


ATF

Cronache di ‘ordinaria’ violenza contro il personale medico e paramedico degli ospedali: lo scorso aprile è stata colpita da un paziente con un pugno, ora – a distanza di pochi mesi – è stata presa a bastonate.

La sfortunata protagonista dei due episodi di violenza è una dottoressa che presta servizio al pronto soccorso dell’ospedale Carlo Poma di Mantova. Sabato 30 luglio, al nosocomio si è presentata una donna che sosteneva di aver bisogno di un ricovero in Psichiatria. Di fronte al rifiuto del medico, è andata su tutte le furie e ha tentato di colpirla con il proprio bastone. La dottoressa ha parato il colpo con il braccio, riportando un trauma guaribile in pochi giorni.

La vicenda

La paziente si era presentata al pronto soccorso dicendo di aver litigato con il marito. Non avendo intenzione di tornare a casa, aveva chiesto il ricovero. La dottoressa ha chiamato per un consulto un collega psichiatra, che ha escluso la necessità di trattenerla in ospedale.

Leggi anche:  Lattulosio e lassativi osmotici: un'analisi approfondita

A quel punto la paziente ha incominciato a insultare i due medici. Non solo: mentre veniva accompagna in sala d’attesa su una carrozzina, ha cercato di colpire la dottoressa con il bastone

. Calmata grazie all’intervento di altri operatori sanitari, la donna è stata denunciata per interruzione di pubblico servizio.

Il precedente

Anche ad aprile la dottoressa è stata vittima di un’aggressione, sempre durante il turno in pronto soccorso. In quell’occasione, fu colpita da un pugno in faccia sferrato da un paziente. L’uomo era arrabbiato perché – a suo dire – gli erano state “rubate le ciabatte” mentre era in sala d’aspetto per una visita. L’aggressore fu denunciato.

Native

Articoli correlati