Top

Ecco come cambierà la vita degli italiani dal 31 marzo: dopo due anni finirà lo stato di emergenza

Smart working, vaccini e mascherine (stop all'aperto dall'11 febbraio): il progressivo allentamento delle misure.

Ecco come cambierà la vita degli italiani dal 31 marzo: dopo due anni finirà lo stato di emergenza

globalist Modifica articolo

10 Febbraio 2022 - 09.13


Preroll

 Il 31 marzo segnerà la fine dello stato d’emergenza, proclamato la prima volta a gennaio 2020 da Conte e rinnovato di volta in volta. Il progressivo allentamento delle misure cambierà di nuovo le abitudini degli italiani che, probabilmente, cercheranno di tornare alla vita pre-Covid. Ecco i provvedimenti nel dettaglio.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Con la fine dello stato di emergenza si chiuderebbe l’attività del Comitato tecnico-scientifico e del commissario straordinario per l’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo, e della sua gestione della campagna vaccinale. Il Comitato è un organo consultivo del governo strettamente legato all’emergenza.

Middle placement Mobile

 Fino al 15 giugno i lavoratori pubblici e privati dovranno esibire al lavoro il Super Green pass, che si ottiene con il vaccino o con la guarigione dal Covid. Nessuna novità per l’obbligo vaccinale agli over 50. L’accesso ai luoghi di lavoro senza certificato è vietato con sanzioni che vanno da 600 a 1.500 euro.

Dynamic 1

L’acquisto dei vaccini resterà in capo al ministero della Salute, al quale dovrebbe finire anche tutto ciò che riguarda gli acquisti di farmaci per la lotta al virus. Alle Regioni dovrebbero invece tornare tutte le competenze su ciò che riguarda la campagna vaccinale e gli eventuali richiami, con un graduale passaggio della gestione dai grandi hub ai medici di famiglia, ai pediatri e agli ospedali.


Ancora aperto, invece, il discorso relativo alla logistica e alla distribuzione di farmaci e vaccini nonché quello sugli acquisti ora in carico a Figliuolo, dai dispositivi di protezione individuale ai ventilatori polmonari. Tra le ipotesi avanzate a dicembre c’era quella di creare una struttura di
missione ad hoc a Palazzo Chigi o un passaggio delle competenze dalla Struttura commissariale alla Protezione civile.

Dynamic 2

Stop all’uso delle mascherine all’aperto da venerdì 11 febbraio. Dal 31 marzo l’esecutivo ancora non ha deciso la decadenza dell’obbligo dell’uso delle mascherine al chiuso dal momento che tutto dipenderà, come sempre, dall’andamento del quadro epidemiologico. Si ipotizza dunque l’utilizzo dei dispositivi di protezione anche dopo il 31 marzo.

Il certificato verde non è legato alla fine dello stato di emergenza. Le norme per disciplinare la certificazione verde saranno ancora in vigore. E’ una delicata questione sulla quale il governo ancora non si è espresso.

Dynamic 3

Negli uffici si tornerà a lavorare in presenza, ma lo smart working potrà continuare previo accordo tra l’azienda e i dipendenti.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile