Top

Aiom lancia la campagna 'Io non sono il mio tumore': "Circa un milione di guariti viene discriminato sul lavoro"

Per la burocrazia italiana i guariti risultano ancora malati e subiscono discriminazioni nell'accesso a servizi come ottenimento di mutui, stipula di assicurazioni sulla vita, assunzione in un posto di lavoro e adozione di un figlio.

Aiom lancia la campagna 'Io non sono il mio tumore': "Circa un milione di guariti viene discriminato sul lavoro"
Medico

globalist

21 Gennaio 2022 - 15.20


Preroll

Il cancro è certamente il male del secolo ma ad oggi quasi un milione di italiani è riuscito nell’impresa di guarire da questo male. Tuttavia capita che i guariti dal tumore, per la burocrazia risultino ancora malati subendo discriminazioni nell’accesso a servizi come ottenimento di mutui, stipula di assicurazioni sulla vita, assunzione in un posto di lavoro e adozione di un figlio.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Sul modello di altri Paesi Ue, Fondazione Aiom lancia la prima campagna per il Diritto all’oblio oncologico, ‘Io non sono il mio tumore’, e una raccolta firme per richiedere una legge ad hoc.

Middle placement Mobile

Il provvedimento permetterebbe di non essere più considerati malati oncologici dopo 5 anni dalla fine delle cure se il tumore è insorto da bambini e dopo 10 se insorto da adulti.

Dynamic 1

Sul modello di Francia, Lussemburgo, Belgio, Olanda e Portogallo, Fondazione Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) lancia dunque la prima campagna per il riconoscimento del Diritto all’oblio oncologico. L’obiettivo è ottenere una legge che tuteli le persone che hanno avuto una neoplasia e che ora, per questo, vivono discriminazioni sociali. Oggi, infatti, per richiedere molti servizi è necessario dichiarare se si è avuto il cancro, anche se si è già guariti.

A sostegno dell’iniziativa sono stati realizzati la prima guida sul Diritto all’oblio, un portale web (dirittoallobliotumori.org) e una campagna social per promuovere la raccolta firme. Lo scopo è raggiungere 100 mila adesioni, che verranno portate al Presidente del Consiglio per chiedere l’approvazione della legge. Tutti potranno contribuire lasciando il proprio nome online o nei reparti di oncologia e piazze. La guida è scaricabile e sarà distribuita negli ospedali.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage