Top

Brusaferro (Iss): "Presto la variante Omicron sostituirà Delta, presto per parlare di quarta dose"

Il presidente dell'Istituto superiore di sanità e membro del Cts: "Nonostante la crescita dell'infezione molto significativa e l'impatto notevole sul servizio sanitario il quadro è meno grave di quanto sarebbe stato senza vaccini e misure in atto".

Brusaferro (Iss): "Presto la variante Omicron sostituirà Delta, presto per parlare di quarta dose"
Silvio Brusaferro

globalist

16 Gennaio 2022 - 10.18


Preroll

I casi Covid dopo, e durante, le festività natalizie sono aumentati a dismisura in Italia portando non pochi problemi al Paese. Secondo Silvio Brusaferro, professore ordinario di Igiene all’Università di Udine, presidente dell’Istituto superiore di sanità e membro del Cts, la variante africana presto sostituirà la Delta ma è ancora presto per parlare di un’eventuale quarta dose di vaccino.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Siamo ancora in pandemia, in una fase di crescita molto significativa dei contagi di cui non si prevede il picco e l’endemizzazione del virus è uno scenario possibile, ma non attuale”.

Middle placement Mobile

Ha poi proseguito il professore: “Siamo ancora in pandemia, in una nuova fase caratterizzata dalla variante Omicron arrivata all’80 per cento dei contagi e da quasi il 90 per cento della popolazione vaccinata. Questa combinazione, nonostante la crescita dell’infezione molto significativa e l’impatto notevole sul servizio sanitario, rende il quadro meno grave di quanto sarebbe stato senza vaccini e misure in atto”.

Dynamic 1

La speranza è che a un certo punto vaccinati e guariti creino un muro contro Omicron? “Certo, se il numero dei suscettibili al virus si riduce, cala l’indice di contagio Rt. Il problema è che Omicron può infettare anche una parte dei vaccinati, seppur con minore probabilità. Omicron convivrà con Delta? Di questo passo la sostituirà”. “Invece di discutere su cosa succederà bisogna guardare i dati e prepararsi a eventuali novità con coperture vaccinali, farmaci e monitoraggio” aggiunge. La terza dose, intanto, “protegge molto bene dalla malattia grave, se ne sta studiando la durata ed è presto per parlare della quarta”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage