Top

Segrega, violenta e tortura la propria compagna col peperoncino negli occhi per tre giorni: arrestato 39enne

L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, ha inoltre ferito la compagna (36 anni) alle braccia con un coltello da cucina, per poi picchiarla e legarla al letto con nastro adesivo. Solo sabato la donna è riuscita a scappare rifugiandosi in un negozio.

Segrega, violenta e tortura la propria compagna col peperoncino negli occhi  per tre giorni: arrestato 39enne
Violenza sulla donna

globalist

11 Dicembre 2021 - 10.18


Preroll

Ennesima storia di violenza sessuale ai danni di una donna: questa volta il 39enne è stato arrestato dai carabinieri di Civitavecchia. L’accusa è quella di aver segregato la sua compagna in casa per tre giorni, sottoponendola a violenze sessuali e maltrattamenti di ogni genere.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, ha inoltre ferito la compagna (36 anni) alle braccia con un coltello da cucina, per poi picchiarla e legarla al letto con nastro adesivo. Solo sabato la donna è riuscita a scappare rifugiandosi in un negozio.

Middle placement Mobile

Torturata col peperoncino negli occhi
Un incubo iniziato nel momento in cui aveva deciso di andare a convivere. La 36enne è stata segregata in casa e sottoposta a violenze sessuali e sevizie di ogni genere, come il peperoncino piccante negli occhi. Solo sabato pomeriggio è riuscita a scappare per poi rifugiarsi in un negozio e dare l’allarme.

Dynamic 1

I carabinieri hanno quindi arrestato il suo aguzzino e lo hanno condotto in carcere su ordine del gip di Civitavecchia. Il 39enne, di Civitavecchia, era già noto alle forze dell’ordine e dovrà rispondere di sequestro di persona, lesioni personali continuate e pluriaggravate e violenza sessuale.

Le violenze sono accadute a Civitavecchia, vicino Roma. A quanto ricostruito dagli investigatori, la vittima è stata legata al letto, picchiata e ferita con un coltello da cucina alle braccia.

Dynamic 2

L’incubo per la donna, iniziato dopo appena pochi giorni di convivenza, si è concluso solo quando il bruto si è allontanato da casa e lei ha approfittato del momento per scappare. La donna è stata soccorsa e portata in ospedale dove i medici hanno riscontrato le violenze.

Il tentativo di depistaggio con finti messaggi
Quando il compagno, in piena notte, è rientrato a casa, ha capito immediatamente che era fuggita. Per depistare ha utilizzato il telefono della compagna per inviarsi dei messaggi minatori tentando di screditare il suo racconto.

Dynamic 3

Ma all’orario degli invii la 36enne era già in ospedale guardata a vista da medici e carabinieri e non aveva con sè alcun telefono. Sentendosi ormai braccato, senza riuscire a trovare alloggio da familiare o amici, domenica mattina si è presentato spontaneamente alla caserma dei carabinieri dopo essere stato fuori per tutta la notte per paura di essere raggiunto a casa dai militari.

Durante le perquisizioni nell’appartamento gli investigatori hanno ritrovato gli indumenti della donna, il coltello, i peperoncini utilizzati per seviziarla, le lenzuola sporche di sangue e tracce biologiche in varie stanze.

Dynamic 4

La donna nel frattempo è stata avviata ad un percorso di riabilitazione ed è sostenuta sia sotto il profilo economico che psicologico da una delle numerose associazioni anti-violenza attive sul territorio, che la aiuteranno a ricominciare.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage