Top

Ragazzo gay aggredito in pieno centro a Torino: volevano picchiarlo con una cintura

Il ragazzo, spaventato, si sarebbe difeso usando lo spray al peperoncino, riuscendo alla fine a scappare.

Torino Pride
Torino Pride

globalist

16 Novembre 2021 - 17.05


Preroll

Tenete ben presente nelle vostre menti gli applausi dei senatori di destra mentre il Ddl Zan veniva affossato. Ricordate gli abbracci, le pacche sulle spalle, le risatine. Fate che risuonino a lungo, perché quei senatori, tutti quanti, stavano inneggiando alla violenza che ogni giorno si consuma nelle strade di questo paese contro la comunità Lgbtqi+. Da ultimo, a Torino, dove uno studente di 24 anni è stato aggredito in pieno centro da un uomo e una donna che avevano dei problemi con come fosse vestito. 
La discussione è avvenuta in via delle Rosine, ma il ragazzo avrebbe inizialmente deciso di lasciar correre. Ma i due non glielo hanno permesso e l’uomo lo ha inseguito, per continuare a insultarlo. 
In risposta lo studente avrebbe mimato il gesto dello sputo e a quel punto l’aggressore si sarebbe sfilato la cintura dai pantaloni per picchiarlo. Il ragazzo, spaventato, si sarebbe difeso usando lo spray al peperoncino, riuscendo alla fine a scappare.
“Quanti altri casi ci dovranno essere per far capire alla nostra classe politica che l’Italia ha bisogno di una legge che tuteli le persone Lgbt+? – è il commento di Serena Graneri, presidente Arcigay Torino – Gli applausi dei senatori che sono riusciti a bloccare il Ddl Zan sono uno schiaffo in faccia a ogni ragazzo che in Italia viene aggredito ogni giorno a causa del suo orientamento sessuale o della sua identità di genere”. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile