Top

L'infermiera dopo l'assoluzione per i morti in corsia: "Ho pagato troppo per quegli scatti con i cadaveri"

L’infermiera al Corriere: “Oggi riprendo in mano la mia vita. Il carcere? Nessuno può immaginare come si soffra, se non c’è stato”

Daniela Poggiali
Daniela Poggiali

admin

27 Ottobre 2021 - 12.56


Preroll

Daniela Poggiali parla dopo l’assoluzione dal reato di omicidio premeditato plurimo.
“Il fatto non sussiste”. Questa la conclusione a cui si è arrivati nel processo a carico di Daniela Poggiali, 49 anni, accusata di aver ucciso due anziani all’ospedale di Lugo dove lavorava come infermiera. Per l’accusa, i due anziani ricoverati e morti in ospedale, Massimo Montanari, 94 anni, e Rosa Calderoni, 78 anni, furono assassinati con iniezioni di potassio. Poggiali è stata assolta due volte in un solo giorno. Fu condannata infatti in un caso all’ergastolo in primo grado, e in un altro a 30 anni con rito abbreviato.
Alla fase iniziale degli accertamenti risale la vicenda di alcuni furti in corsia, per cui poi la donna fu condannata in giudicato: si trattava di dieci euro sfilati dal portafogli di un uomo che era andato a trovare la moglie in fin di vita. Nei fascicoli dei carabinieri che diedero il via all’inchiesta, nel 2014, c’erano poi anche le foto di Poggiali accanto a una paziente di 100 anni appena morta. L’infermiera sorrideva con i pollici alzati. Le due assoluzioni sono arrivate al termine di un lungo rimpallo tra Cassazione e Appello. Intervistata dal Corriere, Poggiali ha dichiarato:
Le foto con i cadaveri? Ho sbagliato e lo riconosco. Ma ho pagato fin troppo per questo mio errore. Di certo quelle foto non fanno di me un mostro. Cosa farò ora? Riprenderò in mano la mia vita.
La reclusione per l’infermiera è durata 43 mesi. 
In carcere ho patito una sofferenza infinita. Chi non c’è stato non può capire cosa significhi e figuriamoci capire che cosa provi chi ci è finito ingiustamente
E su come immagina il proprio futuro la donna afferma: 
Mi piacerebbe tornare a fare il mio lavoro e di sicuro la competenza e l’esperienza in quel campo non mi mancano. Il mio avvocato Lorenzo Valgimigli sfrutterà tutte le vie percorribili per l’eventuale riammissione dall’albo professionale

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage