Top

Prima condanna per caporalato: 44 fattorini risarciti per 10mila euro ciascuno

I rider lavoravano tra Milano, Firenze e Torino: a essere condannato a 3 anni e 8 mesi Giuseppe Moltini, collegato ad Uber

I fattorini di Uber Eats
I fattorini di Uber Eats

globalist

15 Ottobre 2021 - 12.59


Preroll

Un processo che si ha dato ragione ai rider sfruttati in passato.
Prima condanna in un processo penale per caporalato: i fattorini saranno riscarciti con 10mila euro a testa.
Lo prescrive il giudice per l’udienza prelilminare di Milano Teresa De Pascale che ha condannato con rito abbreviato a 3 anni e 8 mesi Giuseppe Moltini, uno dei responsabili delle società di intermediazione coinvolte nell’inchiesta del Pubblico Ministero Paolo Storari che aveva portato pure al commissariamento della filiale italiana di Uber, revocato a marzo dai giudici dopo il riconoscimento del percorso “virtuoso” intrapreso dalla società.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Moltini era accusato di caporalato sui fattorini che, attraverso le società di intermediazione Flash Road City e Frc srl, facevano le consegne di cibo a domicilio per conto di Uber. Altri due imputati sono stati condannati (2 anni e 1 anno e 6 mesi) ma solo per reati fiscali.

Middle placement Mobile

Il gup ha anche deciso di convertire il sequestro di circa 500mila euro in contanti, disposto nelle indagini, in un risarcimento da 10mila euro a testa per i 44 fattorini che lavoravano tra Milano, Torino e Firenze e che erano entrati nel procedimento proprio per chiedere il riconoscimento dei danni subiti. Riconosciuti 20mila euro anche alla Cgil che si era costituita parte civile nel processo.

Dynamic 1

Secondo l’accusa i lavoratori venivano “pagati a cottimo 3 euro”, “derubati” delle mance e “puniti” con decurtazione dei compensi se non stavano alle regole. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage