Aveva sparato al socio: arrestato il consigliere comunale vicino alla Lega a Licata
Top

Aveva sparato al socio: arrestato il consigliere comunale vicino alla Lega a Licata

Gaetano Aronica era stato eletto con una lista civica vicina alla Lega. Ora è ai domiciliari

Gaetano Aronica
Gaetano Aronica
Preroll

globalist Modifica articolo

30 Luglio 2021 - 16.34


ATF

Il consigliere comunale di Licata, Gaetano Aronica di 48 anni, eletto con una lista civica vicina alla Lega è stato posto agli arresti domiciliari per tentato omicidio.
L’uomo ha sparato quattro colpi di pistola contro un ex suo socio di 71 anni, per un contenzioso nelle gestione di un’attività di onoranze funebri, ferendolo al braccio sinistro. Aronica è anche accusato di porto e detenzione di arma clandestina e ricettazione.
Forti liti tra i due 
Gaetano Aronica è stato eletto nel 2018 candidato nella lista “Lega noi con Salvini”, ma non si è dichiarato leghista, né ha avuto incarichi nel partito di Salvini. 
I due ex soci, da circa un anno e mezzo, avrebbero forti contrasti per la spartizione delle quote societarie dell’attività di onoranze funebri.
L’ennesima lite è scoppiata mercoledì sera. Aronica si sarebbe presentato davanti la casa dell’ex socio che era a bordo della sua Fiat Panda e gli ha sparato 4 colpi, di cui solo uno è andato a segno ad un braccio. 
Al ferito, i medici del San Giacomo d’Altopasso di Licata hanno diagnosticato una prognosi di 20 giorni, salvo complicazioni.
L’inchiesta 
L’inchiesta della Procura di Agrigento continua. I carabinieri, infatti, stanno cercando di accertare se la pistola utilizzata per il danneggiamento della vetrata dell’onoranze funebri (avvenuto nella notte fra domenica e lunedì 19) possa o meno corrispondere con la rivoltella calibro 22 sequestrata nelle ultime ore dopo che lo stesso consigliere comunale l’ha fatta ritrovare. “Ove non adeguatamente contenuto – ha scritto il gip di Agrigento Stefano Zammuto nell’ordinanza di custodia cautelare – c’è il concreto e attuale pericolo che commetta altri reati della stessa specie”.

Leggi anche:  Ha fatto ingerire alla prozia del cibo che non poteva mangiare portandola alla morte per l'eredità: "Sono innocente"
Native

Articoli correlati