Top

Il racconto di un'operatrice sanitaria: "Infermieri no vax minacciano di morte noi colleghi"

Ecco cosa si sono sentiti dire: "Per te verrà la vendetta di Norimberga. Stai attenta quando cammini per strada"

Contagi Covid
Contagi Covid

globalist

27 Luglio 2021 - 11.25


Preroll

Le parole sono state pronunciate in un audio inviato su Whatsapp. Destinataria Samantha Grossi, infermiera di Treviso, colpevole, a parere di chi la minacciava, di aver sostenuto apertamente i vaccini: “Per te verrà la vendetta di Norimberga. Stai attenta quando cammini per strada, abbiamo perecchie cose da dirti”. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

La minaccia vocale a Samantha è solo l’ultima di una lunga serie, da quando è apparsa su una tv locale e ha invitato le persone a sottoporsi alla vaccinazione. Lei conosce chi l’ha contattata: si tratta di un’operatrice socio sanitaria che lavora nella sua stessa azienda. 

Middle placement Mobile

Si legge su Repubblica:

Dynamic 1

“Ti auguriamo la peggiore delle morti: un tumore”; “Il vaccino che tu vuoi far fare agli altri ti deve far morire”; “Tu con il vaccino porti la morte agli altri, se cammini per strada guardati le spalle”; “Ti auguro che ti cada qualcosa in testa”: sono solo alcuni dei messaggi ricevuti sui social e via mail da Luciano Clarizia, 59 anni, infermiere da 33, che gestisce l’area di emergenza, a capo del 118, a Pordenone, dove presiede pure l’Ordine di categoria. “Siamo tornati al Medioevo – ha pensato Clarizia quando li ha letti – . Questi no vax sostengono che la peste, quando c’era, ha fatto i morti che doveva. E che alla fine, così com’è venuta, se n’è andata. Per loro il Covid è la stessa cosa”.

Le minacce arrivano anche dagli stessi colleghi sanitari, che si oppongono al vaccino.

La percezione di un clima sempre più teso è arrivata anche alla presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche. Barbara Mangiacavalli si mostra risoluta: ”È nostro dovere intervenire – avverte – per tutelare i colleghi presidenti e professionisti e come infermieri per garantire ai cittadini di essere sempre in prima linea per garantire la loro salute. Abbiamo fin dall’inizio invitato tutti i professionisti a rispettare la norma di legge e da parte nostra continueremo a sensibilizzare rispetto all’importanza della vaccinazione”. “Per un infermiere – prosegue – è un dovere verso i cittadini, verso i colleghi e anche verso la scienza in cui crediamo.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile