Maria Falcone sulla scarcerazione di Brusca: "La notizia mi addolora ma è la legge e va rispettata"

La sorella del giudice Giovanni Falcone: "E' la legge, una legge che peraltro ha voluto mio fratello. Mi auguro solo che magistratura e le forze dell’ordine vigilino con estrema attenzione"

Maria Falcone, sorella di Giovanni Falcone

Maria Falcone, sorella di Giovanni Falcone

globalist 1 giugno 2021
Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, dopo aver appreso la notizia della scarcerazione per fine pena di Giovanni Brusca, l’ex capomafia, poi pentito, che ha premuto il telecomando che ha innescato l’esplosivo nella strage di Capaci ha espresso tutto il suo rammarico.
“Umanamente è una notizia che mi addolora, ma questa è la legge, una legge che peraltro ha voluto mio fratello e quindi va rispettata. Mi auguro solo che magistratura e le forze dell’ordine vigilino con estrema attenzione in modo da scongiurare il pericolo che torni a delinquere, visto che stiamo parlando di un soggetto che ha avuto un percorso di collaborazione con la giustizia assai tortuoso. Ogni altro commento mi pare del tutto inopportuno”.
Nell’attentato morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo.
La stessa magistratura - ha spiegato Maria Falcone - in più occasioni ha espresso dubbi sulla completezza delle sue rivelazioni, soprattutto quelle relative al patrimonio che, probabilmente, non è stato tutto confiscato: non è più il tempo di mezze verità e sarebbe un insulto a Giovanni, Francesca, Vito, Antonio e Rocco che un uomo che si è macchiato di crimini orribili torni libero a godere di ricchezze sporche di sangue”.