Top

Fiano: "Il prefetto vieti la manifestazione fascista di Dongo, le leggi ci sono e vanno rispettate"

Il Presidente del Gruppo Pd alla Camera: "Bisogna impedirlo. Ci sono leggi e norme per impedirlo. E c'è la Costituzione. Se non è apologia questo allora l'apologia di fascismo non esiste".

Fiano
Fiano

globalist

30 Aprile 2021 - 17.30


Preroll

Il Presidente del Gruppo Pd alla Camera Emanuele Fiano, riguardo la manifestazione fascista in memoria di Mussolini prevista a Dongo il 2 maggio, su cui è già stato diffuso un appello di Anpi per impedirla, ha dichiarato: “Continuano a voler celebrare il fascismo del criminale Mussolini nonostante la storia abbia già parlato. Bisogna impedirlo. Ci sono leggi e norme per impedirlo. E c’è la Costituzione. Se non è apologia questo allora l’apologia di fascismo non esiste”.
“Quest’anno l’Anpi organizza una contromanifestazione. Ogni anno vi è un raduno dei nostalgici di Mussolini, che convergono a Dongo con i vessilli e i simboli fascisti per una marcia, una messa e il rito del “presente” con le braccia tese nel saluto fascista – spiega il deputato dem – La messa viene celebrata nella chiesetta di Giulino di Mezzegra, dove era era stato ucciso Mussolini, e dopo la liturgia i fascisti hanno intenzione di andare davanti alla villa Belmonte, dove fisicamente i partigiani spararono al Duce, la cui salma da lì venne caricata e trasportata a Milano per essere esposta a piazzale Loreto. Il Prefetto vieti la manifestazione di apologia fascista. Chiederò al Ministro di intervenire”, conclude Fiano, figlio di un sopravvissuto alla Shoah. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile