Firenze, compare una svastica davanti alla casa di una famiglia ebraica

Lo denunciano Antonella Bundu e Dmitrji Palagi,, consiglieri comunali del gruppo Sinistra Progetto Comune, affermando che la svastica, comparsa ieri, non è stata ancora rimossa. 

La svastica

La svastica

globalist 28 maggio 2020
È comparsa una svastica in via Antonio Scialoja, a Firenze, nel quartiere di Campo di Martesul, proprio di fronte all'abitazione di una famiglia di origine ebraica. Lo hanno denunciato Antonella Bundu e Dmitrji Palagi,, consiglieri comunali del gruppo Sinistra Progetto Comune, affermando che la svastica, comparsa ieri, non è stata ancora rimossa. 
"Condanniamo fermamente il gesto e chiediamo che venga rimossa al più presto - dichiarano Bundu e Palagi in una nota - Non dobbiamo più tollerare alcuna forma di antisemitismo. Troppo spesso ultimamente assistiamo, in Italia e nel mondo, a episodi di discriminazione razziale. Il simbolo della svastica che è stato tracciato ieri ci riporta con la mente agli anni più bui dell'ultimo secolo. Il gesto vigliacco e intimidatorio non può essere derubricato come una semplice ragazzata, perché chi ha vissuto quel periodo e chi lo ha studiato sa bene che non c'è spazio alcuno per rigurgiti di nazifascismo. Come Sinistra Progetto Comune portiamo la nostra solidarietà alla famiglia coinvolta, sapendo che quella svastica non indigna e offende solo loro, ma tutte e tutti noi".