Care Sardine, non mollate: abbiamo ancora bisogno di voi

Avete riacceso la voglia di cambiare il mondo che è propria dei giovani, da troppo tempo assopita, riempiendo le piazze non con l’antipolitica ma con l’idea forte del ritorno alla partecipazione e alla buona politica.

Le Sardine a Bologna

Le Sardine a Bologna

Claudio Visani 26 maggio 2020
Care Sardine,
Siete stati la più bella novità di questa brutta stagione politica, direi l’unica da diversi anni in qua. Avete riacceso la voglia di cambiare il mondo che è propria dei giovani, da troppo tempo assopita, riempiendo le piazze non con l’antipolitica ma con l’idea forte del ritorno alla partecipazione e alla buona politica. Avete fermato l’avanzata delle destre e salvato l’Emilia-Romagna da Salvini e dalla Borgonzoni.
Avete avuto la sfiga di essere nati ed esplosi alla vigilia della la pandemia, del lockdown e del distanziamento sociale, deleterio per le sardine che hanno bisogno di stare unite e strette strette per dispiegare la loro forza. Sarebbe un vero peccato se questo vostro bel movimento dovesse spegnersi. A me dispiacerebbe molto. Penso che sarebbe un colpo grave alle speranze di cambiamento del Paese, soprattutto in questo momento. Forza ragazzi, non demoralizzatevi, siate creativi come sapete essere, non mollate.