La Lega dichiara guerra ai poveri: a Sassuolo multa a chi chiede e a chi dà l'elemosina

Il portavoce di SI: "Invece di fare la guerra alla povertà fanno la guerra ai poveri, sono cattivi, vendicativi e giustizialisti solo con i più deboli"

Mendicante

Mendicante

globalist 30 aprile 2020
A Sassuolo, dove comanda la Lega, è stato ufficialmente istituito il reato di solidarietà: infatti l'amministrazione comunale ha deciso che sarà fatta una multa si a chi chiede l'elemosina sia a chi la dà. Il Pd definisce infatti la decisione una “scelta deprimente e antistorica”, mentre la Lega ribatte: “Non pensiamo certo di multare la vecchietta o l’anziano che vuole fare la donazione, ma così si preserva chi è vittima di condotte moleste da parte dei professionisti dell’accattonaggio”.
“Leggo che a Sassuolo, in provincia di Modena, il consiglio comunale a maggioranza leghista ha approvato l’applicazione di una multa per chi chiede l’elemosina e a chi la fa. Non li fermano morti e pandemia" afferma il portavoce nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, che sulla vicenda presenterà nei prossimi giorni un’interrogazione parlamentare alla ministra dell’interno.
“Invece di fare la guerra alla povertà - prosegue l’esponente di Leu - i seguaci di Salvini fanno la guerra ai poveri. Sono cattivi, vendicativi e giustizialisti con i più deboli e con chi ha fame. E persino con chi fa solidarietà.”