Le Sardine dopo la Stella di David: "Marcello Segre uno di noi, basta odio"

Il movimento solidale con il professore al quale è stata disegnata una stella di David e la scritta Jude sulla porta

Marcello Segre

Marcello Segre

globalist 9 febbraio 2020

L’ennesimo episodio di razzismo e antisemitismo non è passato inosservato e che ha colpito Marcello Segre:

"E' di nuovo successo ed è successo nella città di Torino, E’ successo di nuovo, è successo di nuovo e questa volta a Marcello, una Sardina, una persona che ogni giorno degli ultimi 3 mesi si è battuta al nostro fianco, offrendosi con passione ed energia. Quella è la sua porta di casa, l'ha trovata così questa mattina, mentre stava uscendo per affrontare una giornata qualunque. Ma non è una giornata qualunque e noi non possiamo accettare tutto questo".



Lo hanno scritto sulla pagina ufficiale del movimento delle 'Sardine'.
"Siamo vicini a Marcello e siamo sicuri -avvertono le '6mila Sardine'- che questo episodio lo rafforzerà ancora di più nei suoi ideali di solidarietà e pace. Abbiamo un motivo in più per trovarci tutti insieme per un abbraccio simbolico che urlerà chiaro e forte il nostro NO a ogni tipo di odio e discriminazione".