Dottoressa aggredita con un cacciavite all'uscita dell'ospedale: salvata da un migrante
Top

Dottoressa aggredita con un cacciavite all'uscita dell'ospedale: salvata da un migrante

Un uomo che l'accusava per la morte di un parente l'ha colpita più volte prima di essere bloccato. Poi l'arresto da parte della polizia di Crotone

L'ospedale di Crotone
L'ospedale di Crotone
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Dicembre 2018 - 16.21


ATF

Una dottoressa è stata aggredita e ferita davanti all’ospedale civile “San Giovanni di Dio” di Crotone.
La donna, Nuccia Calindro, è stata colpita al collo con un cacciavite, stava lasciando il presidio al termine del turno di lavoro: difesa da un migrante che si guadagna da vivere vivendo come ambulante maghrerbino di nome Mustafà, che solitamente staziona davanti all’ospedale, è stata ricoverata nello stesso ospedale in codice rosso ma non sarebbe in pericolo di vita.
Secondo le prime indagini, sembra che l’aggressore accusasse la dottoressa per la morte di una congiunta.
L’intervento del venditore ambulante è valso a scongiurare conseguenze più gravi.
L’aggressore è un crotonese che ha indossato un passamontagna al momento dell’aggressione: è stato bloccato dalla polizia e si trova in Questura a Crotone.

Leggi anche:  La polizia ferma tre cronisti e li tiene per ore in cella: siamo a Roma ma sembra la Russia di Putin
Native

Articoli correlati