Strage di Erba, è morto Carlo Castagna: la sua famiglia fu sterminata da Rosa e Olindo

L'uomo perdonò pubblicamente gli autori del massacro che gli avevano ammazzato la moglie Paola Galli, la figlia Raffaella e il nipotino Youssef

Carlo Castagna

Carlo Castagna

globalist 26 maggio 2018

Aveva dichiarato pubblicamente di voler perdonare Olindo e Rosa, gli autori del terribile massacro della strage di Erba che gli avevano ammazzato la moglie Paola Galli, la figlia Raffaella e il nipotino Youssef di appena due anni: oggi è morto nell'ospedale di Como a 75 anni Carlo Castagna. Per quella strage oggi i coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi stanno scontando un ergastolo. Castagna, profondamente religioso, era giunto a perdonarli e aveva donato alla Caritas la casa teatro dell'eccidio.

Nel massacro morirono quattro persone: oltre ai familiari di Castagna, fu uccisa anche la vicina di casa Valeria Cherubini, che si trovava nell'appartamento. Tutti furono uccisi a colpi di spranga e coltellate.

Pietro Castagna, uno dei figli di Carlo, ha voluto ricordare la figura del padre sui social con queste parole. "Oggi papà ci ha lasciati. Ne abbiamo passate tante insieme, ma tu eri per noi sempre una guida, un esempio da seguire e ammirare, e pur sapendo che adesso sarai felice perche hai ritrovato la tua Polly, Raffaella e il piccolo Fefè, a noi lasci una voragine immensa e ci mancherai infinitamente. Riposa in pace papà".