Consip, Emiliano ascoltato in Procura per gli sms di Lotti e Renzi senior
Top

Consip, Emiliano ascoltato in Procura per gli sms di Lotti e Renzi senior

Il governatore pugliese, sentito come testimone, ha mostrato i messaggi ricevuti ai magistrati, che li hanno acquisiti.

Michele Emiliano
Michele Emiliano
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Marzo 2017 - 17.38


ATF

Sono giorni concitati per il governatore della Puglia Michele Emiliano, che, impegnato nella vicenda del gasdotto Tap che sta scatenando le proteste della comunità Salentina, si è recato in Procura a Roma per essere ascoltato come testimone nell’ambito del filone romano dell’inchiesta Consip. È rimasto negli ufficio poco più di un’ora, una visita breve, il tempo di essere interrogato, non come indagato ma come testimone, nella vicenda degli appalti Consip.

Emiliano è stato ascoltato dal pm Mario Palazzi con riferimento a messaggi ricevuti dal ministro dello Sport Luca Lotti  (all’epoca sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) e da Tiziano Renzi, padre dell’ex premier Matteo, per sollecitare un suo incontro con l’imprenditore toscano Carlo Russo. L’ipotesi della procura di Roma è che Alfredo Romeo possa aver beneficiato del rapporto di amicizia Renzi-Russo per mettere le mani sugli appalti Consip.

Leggi: Consip, arrestato per corruzione l’imprenditore Alfredo Romeo

Nel corso dell’audizione Emiliano ha mostrato gli sms ricevuti da Lotti e Renzi nel 2015 e sono stati acquisiti dai magistrati.

Leggi anche:  Premierato, il populismo di Gasparri: "Daremo più potere ai cittadini contro i giochi di Palazzo"

Nell’indagine Consip sono indagati anche l’imprenditore napoletano Alfredo Romeo (in carcere) e il dirigente della centrale acquisti della pubblica amministrazione, Marco Gasparri, accusati entrambi di corruzione.

Native

Articoli correlati