Camorra, arrestato il re della mozzarella
Top

Camorra, arrestato il re della mozzarella

Fermato Giuseppe Mandara, uno dei più importanti produttori di bufala. Sarebbe legato ai Casalesi. Sequestrata l'azienda e un patrimonio da 100 milioni.

Camorra, arrestato il re della mozzarella
Preroll

Desk Modifica articolo

17 Luglio 2012 - 12.32


ATF

Gli agenti della Dia e i carabinieri del Noe di Napoli hanno messo sotto sequestro La Mandara, una delle marche più famose di mozzarella di bufala Dop. Gli esponenti di vertice del gruppo imprenditoriale sarebbero legati al clan dei Casalesi. Il titolare, Giuseppe Mandara, è stato arrestato insieme a dei collaboratori e il patrimonio, stimato in oltre 100 milioni di euro, è stato sequestrato. Le accuse sono associazione per delinquere di stampo camorristico e reati in tema di tutela della salute pubblica.

Sono due i filoni di indagine. Quello legato alla truffa su prodotti caseari non Dop ma distribuiti e venduti come tali condotto dai militari del Noe. Normali provoloni venduti come “provoloni del Monaco”, un formaggio Dop particolarmente pregiato realizzato in qualità limitata nel periodo primaverile ed estivo, con latte di alta qualità e attraverso un particolare disciplinare. La Dia si è occupata invece della collusione con ambienti delle criminalità organizzata casertana. Secondo l’accusa, la società “Mandara” sarebbe stata costituita nel 1983 grazie all’investimento di persone legate alla camorra.

Leggi anche:  Muore per un malore dopo essere stato colpito con il taser dai carabinieri: aperta un'inchiesta

Sequestrato il punto vendita di Mandara vicino allo stabilimento di Mondragone dell’azienda. I provvedimenti non riguardano i punti vendita in franchising sparsi su tutto il territorio nazionale. Giuseppe Mandara è ritenuto dagli investigatori vicino alla cosca dei “La Torre”, contigua al clan dei Casalesi. Di lui hanno riferito agli inquirenti numerosi collaboratori di giustizia. Il gruppo esporta in Italia e all’estero circa 200 quintali di mozzarella di bufala al giorno, che giungono anche negli Usa, Giappone, Russia e Nuova Zelanda.

Native

Articoli correlati