“Speciale 25 Aprile - Mussolini il Capobanda”, alle 21.15 su La7 lo speciale di Aldo Cazzullo: ecco le anticipazioni
Top

“Speciale 25 Aprile - Mussolini il Capobanda”, alle 21.15 su La7 lo speciale di Aldo Cazzullo: ecco le anticipazioni

“Speciale 25 Aprile - Mussolini il Capobanda”, alle 21.15 su La7 lo speciale alla vigilia del 25 Aprile curato e condotto da Aldo Cazzullo, accompagnano da Moni Ovadia.

“Speciale 25 Aprile - Mussolini il Capobanda”, alle 21.15 su La7 lo speciale di Aldo Cazzullo: ecco le anticipazioni
Mussolini Capobanda
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Aprile 2024 - 17.37


ATF

“Speciale 25 Aprile – Mussolini il Capobanda”, alle 21.15 su La7 lo speciale alla vigilia del 25 Aprile curato e condotto da Aldo Cazzullo, accompagnano da Moni Ovadia. Mussolini e il ventennio, il fascismo e l’antifascismo, la guerra e la liberazione. La7 dedica una serata evento agli ultimi giorni che sancirono la fine del regime fascista.

Nella cornice del Teatro Gustavo Modena di Genova, lo spettacolo, ispirato all’omonimo bestseller di Aldo Cazzullo. Una storia a due voci: Cazzullo narra e Moni Ovadia legge i testi del Duce e delle sue vittime, con musiche e canzoni dell’epoca eseguite da Giovanna Famulari. Prima dell’immersione nel cuore del racconto, un incontro speciale per introdurre Gino Paoli, genovese doc che di quei giorni del Ventennio ha un ricordo ancora vivo.

La maggioranza degli italiani pensa che fino al 1938 Mussolini le abbia azzeccate quasi tutte fino all’«errore» dell’alleanza con Hitler, delle leggi razziali e della guerra. Cazzullo e Ovadia dimostreranno che non è così. Prima di allora Mussolini aveva preso e mantenuto il potere nel sangue, perseguitando oppositori e omosessuali. Aveva provocato la morte di Gobetti, Gramsci, Matteotti, Amendola, dei fratelli Rosselli e di don Minzoni.

Leggi anche:  "Delitti in paradiso", alle 21.20 su Rai 2 il finale di stagione: ecco la trama dell'episodio di mercoledì 22 maggio

Aveva fatto morire in manicomio il proprio figlio e la donna che aveva amato. Aveva chiuso i libici in campi di concentramento, gasato gli abissini e bombardato gli spagnoli. E aver mandato soldati italiani a morire senza equipaggiamento in Russia, nel deserto e in Albania è stato un altro crimine contro il suo stesso popolo, prima ancora degli orrori della guerra civile.

Attraverso storie e parole, immagini e lettere, musica e canzoni, lo Speciale 25 aprile – Mussolini il Capobanda farà capire perché dobbiamo vergognarci del fascismo ed essere orgogliosi dei resistenti che l’hanno combattuto. 

Native

Articoli correlati