“Raffa in the Sky”, alle 21.15 su Rai 5: l'opera lirica ispirata alla carriera di Raffaella Carrà
Top

“Raffa in the Sky”, alle 21.15 su Rai 5: l'opera lirica ispirata alla carriera di Raffaella Carrà

“Raffa in the Sky”, Rai Cultura propone venerdì 29 settembre alle 21.15 su Rai 5 un'opera lirica ispirata alla carriera di Raffaella Carrà.

“Raffa in the Sky”, alle 21.15 su Rai 5: l'opera lirica ispirata alla carriera di Raffaella Carrà
Raffa in the Sky
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Settembre 2023 - 16.15


ATF

 Il 18 giugno 2023 Raffaella Carrà avrebbe compiuto 80 anni. Proprio quest’anno la Fondazione Teatro Donizetti di Bergamo ha commissionato un’opera a lei dedicata: “Raffa in the Sky”, che Rai Cultura propone venerdì 29 settembre alle 21.15 su Rai 5. Il progetto è realizzato in collaborazione con il Museo della Radio e della Televisione del Centro di Produzione Rai di Torino. Il compositore è Lamberto Curtoni, che ha lavorato su un libretto di Renata Ciaravino e Alberto Mattioli, da un’idea di Francesco Micheli, che firma la regia dello spettacolo in scena al Teatro Donizetti di Bergamo, città che quest’anno – insieme a Brescia – è Capitale italiana della Cultura.

“Raffa in the Sky” è un’opera, una vera opera lirica, che si ispira alla figura iconica di Raffaella Carrà, grande protagonista della televisione italiana, ma anche personaggio internazionale. Non è una biografia in musica, ma il racconto di una carriera artistica che ha accompagnato, e talvolta stimolato, le trasformazioni della società italiana dell’ultimo mezzo secolo. Attraverso la straordinaria esperienza della Carrà, l’opera si propone di riflettere anche sul ruolo dell’artista nella società, sul valore e sull’uso dell’arte, sul ruolo della televisione e degli altri media, senza dimenticare le canzoni che Raffaella ha interpretato, in un racconto che percorre la strada del surreale e del paradosso per parlare a tutti noi.

Leggi anche:  “Freaks Out”, alle 21.20 su Rai 4: cast e trama del film di Gabriele Mainetti in onda lunedì 13 maggio 2024

A interpretare Raffaella Carrà in questa nuova produzione bergamasca è chiamata la giovanissima Chiara Dello Iacovo, attrice diplomata alla Scuola del Teatro Stabile di Torino e cantante con partecipazioni a Musicultura 2015 e al Festival di Sanremo (Nuove Proposte 2016). Accanto a lei un cast di grandi cantanti d’opera, come Carmela Remigio, Gaia Petrone, Dave Monaco, Haris Andrianos e Roberto Lorenzi, diretti da Carlo Boccadoro – assiduo interprete di pagine contemporanee – sul podio di un organico orchestrale composto dall’Ensemble Sentieri Selvaggi e dall’Orchestra Donizetti Opera. In scena anche il Coro I Piccoli Musici diretto da Mario Mora e i danzatori della Fattoria Vittadini. Il team creativo, accanto al regista Francesco Micheli, è composto da Edoardo Sanchi (scene), Alessio Rosati (costumi), Mattia Agatiello (coreografo) e Alessandro Andreoli (light designer).

«Sono sicuro che Raffaella sarebbe incuriosita, lusingata ed emozionata – dice il coreografo e regista televisivo Sergio Japino, per anni al fianco della Carrà e coinvolto dagli autori nella creazione di quest’opera – nel sapere che ciò che ha fatto nella sua vita ha trovato ascolto e casa anche in un mondo apparentemente lontano dal suo come quello dell’opera lirica. Un mondo che amava, come dimostra Il Gran Concerto di cui fu autrice su Rai 3, dove l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai presentò brani di musica classica e operistica a una platea enorme di bambini. In fondo, la sua è la storia di una donna e di un’artista che ha cercato sempre con coraggio di esplorare e fare incontrare mondi diversi tra loro: la danza, il cinema, la tv, il canto.

Leggi anche:  "Il principe cerca moglie", alle 21.20 su Italia 1 il film del 1988 con Eddie Murphy: la trama e le curiosità sul film

E contesti culturali diversi: dal Sud America alla Russia, dagli studi del Letterman Show e Hollywood agli studi televisivi scintillanti di Cinecittà. E persone diverse, soprattutto: donne, uomini, bambini che trovavano in lei ispirazione, divertimento, famigliarità, riscatto. Per lei non era importante dove fare una cosa, ma come: con quanto amore, abnegazione, passione. E con quanta voglia di incontrare le altre persone: il loro mondo, le loro storie. Sotto casa, come in tutto il mondo». La regia televisiva è firmata da Fabrizio Guttuso Alaimo.

Native

Articoli correlati