Elogi a Meloni e frasi omofobe: Lippi mette in imbarazzo perfino la Rai sovranista che ora gli chiude la porta
Top

Elogi a Meloni e frasi omofobe: Lippi mette in imbarazzo perfino la Rai sovranista che ora gli chiude la porta

Frasi forti e "lesive della reputazione della Rai e dei propri dirigenti", come le ha definite viale Mazzini che pertanto, ha subito replicato facendo sapere che "esclude qualsiasi tipo di collaborazione con il conduttore".

Elogi a Meloni e frasi omofobe: Lippi mette in imbarazzo perfino la Rai sovranista che ora gli chiude la porta
Claudio Lippi
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Giugno 2023 - 10.00


ATF

La super-sviolinata sovranista con a fianco il parlamentare di Fratelli d’Italia è stata eccessiva, anche perché si è lasciato andare a considerazioni omofobe e ad attacchi bassi a dirigenti della Rai. E perfino nella Viale Mazzini sempre più tinteggiata di rosso hanno capito che aveva esagerato.

Cos Claudio Lippi da fustigatore è diventato fustigato: il presentatore, che ieri ha incontrato i giornalisti alla buvette di Montecitorio, ha commentato senza peli sulla lingua gli ultimi cambiamenti della Rai: “Meno gay e gaie in tv”, ha detto e “Serve il linguaggio popolare di Giorgia… Basta con la kultura con la k”. Frasi forti e “lesive della reputazione della Rai e dei propri dirigenti”, come le ha definite viale Mazzini che pertanto, ha subito replicato facendo sapere che “esclude qualsiasi tipo di collaborazione con il conduttore”.

Ci vuole il sorriso

  “Cinque anni fa sia Salvini che Giorgia Meloni mi chiesero una mano: volevano avere un parere, uno sguardo esterno sulla Rai, da chi la tv la conosce”, ha raccontato Lippi passeggiando lungo i corridoi della Camera. “Ci vuole il sorriso. La Rai deve entrare nelle case degli italiani dicendo ‘buonasera’. Con leggerezza e intelligenza, non con la propaganda”. Claudio Lippi ha parlato a ruota libera commentando anche l’intervista alla ministra Roccella? “Cattiva, aggressiva. Non è Rai quella”.

Leggi anche:  Rai: Tele-Meloni oscura la disfatta di Le Pen e l'Usigrai protesta per l'ennesima pagina nera del servizio pubblico

Giorgia Meloni

  E poi ancora elogiando il Presidente del Consiglio: “Giorgia la conosco. È così generosa: ha rinunciato prima alla sua gioventù e ora alla famiglia per fare quello in cui crede. Anche il compagno è una brava persona. Serve un linguaggio popolare. Giorgia è una ‘popolana di Garbatella’. Ha vinto le elezioni parlando agli italiani e alle italiane. Serve quel linguaggio li'”.

Al lavoro su due programmi

 Alla presentazione dei palinsesti Rai manca poco meno di un mese, e Lippi aveva detto di essere al lavoro su due programmi: “Sto lavorando a due programmi. Uno, in prima serata su Rai1, lo vorrei chiamare ‘Condominio Italia’. Parliamo di cause condominiali: quanto tempo, denaro e bile costano. Forse è meglio risolverle con un aperitivo fra condomini, no?.  Adesso però i suoi piani, pare, subiranno una battuta d’arresto. 

Gay e gaie

  Lippi giura che “è il momento di portare il talento in Rai. Finora non è andata cosi’. Casalino, per esempio, si crede un grande ufficio stampa? Stefano Coletta, il direttore che per fortuna non c’è più, ha fatto lavorare gay e gaie solo per il motivo di esserlo. Tanti e tante che non avevano alcuna competenza, la Rai usata per fare coming out. Allora anche noi etero dovremmo fare coming out, no?”. 

Native

Articoli correlati