Top

Parag Agrawal sarà il nuovo capo di Twitter: ecco la sua storia...

In un'intervista con MIT Technology Review, ha affermato che la piattaforma dovrebbe "concentrarsi meno" sulla libertà di parola

<picture> Parag Agrawal sarà il nuovo capo di Twitter: ecco la sua storia... </picture>
Parag Agrawal, il nuovo capo di Twitter

globalist

30 Novembre 2021


Preroll

Twitter cambia la propria guida: dal 29 novembre è infatti Parag Agrawal il nuovo capo della piattaforma social. E’ solo l’ultimo talento di origine indiana a ritrovarsi alla guida di un gigante tecnologico statunitense.

OutStream Desktop
Top right Mobile

A differenza del suo predecessore, il co-fondatore della piattaforma di micro-blogging Jack Dorsey, Agrawal ha goduto fino a ieri di un ruolo dal profilo molto più di basso in azienda, basti pensare che può contare su appena 24.000 follower, rispetto ai quasi sei milioni di Dorsey.

Middle placement Mobile

Agrawal è anche l’ultima star nata in India scelta per dirigere un’importante azienda tecnologica con sede negli Stati Uniti, dopo nomi del calibro di Sundar Pichai, ceo di Alphabet, e Satya Nadella, ceo di Microsoft.

Dynamic 1

“È stato dietro ogni decisione critica che ha contribuito a trasformare questa azienda”, ha scritto Dorsey di Agrawal in un messaggio allo staff di Twitter, “Lui guida con il cuore e l’anima, ed è qualcuno da cui imparo ogni giorno. La mia fiducia in lui come nostro ceo è profonda”.

Formatosi in informatica e ingegneria presso l’Indian Institute of Technology di Bombay e in possesso di un dottorato di ricerca a Stanford, Agrawal è entrato a far parte di Twitter nel 2011 ed è diventato il suo responsabile del settore tecnologico nel 2017.

Dynamic 2

È stato lui a supervisionare l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale, nonché l’ampia strategia tecnica dell’azienda. Queste specialità lo rendono una scelta naturale per sostituire Dorsey, ha detto l’analista di Creative Strategies Carolina Milanesi.

“In futuro l’intelligenza artificiale e il machine learning saranno sempre più critici nel rendere la piattaforma più coinvolgente per gli utenti e più redditizia per l’azienda”, ha spiegato Milanesi, “Potremmo anche vedere un po’ più di rigore e razionalità nel processo decisionale”.

Dynamic 3

Agrawal era anche a capo della campagna “Bluesky” dell’azienda per creare uno standard più aperto e decentralizzato per i social media. La piattaforma è cresciuta in modo molto meno esponenziale rispetto ai suoi vicini della Silicon Valley e ha profitti netti molto scarsi rispetto ai due colossi della pubblicità digitale, Google e Meta, la casa madre di Facebook. Redditizio per la prima volta nel 2017, Twitter è tornato in rosso diverse volte.

Dorsey è forse meglio conosciuto dal pubblico come l’uomo che ha cacciato Donald Trump da Twitter, il megafono preferito dell’ex presidente per radunare i suoi fan e attaccare i suoi critici. Ma Agrawal ha indicato che non vede la piattaforma come un luogo per elaborare i confini della libertà di parola. In un’intervista con MIT Technology Review nel 2020, ha affermato che Twitter dovrebbe “concentrarsi meno” sulla libertà di parola. “Il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica e le nostre mosse riflettono cose che riteniamo portino a una conversazione pubblica più sana”, ha affermato.

Dynamic 4
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage