Top

Blue Monday: storia dell'idea di marketing dietro al 'giorno più triste dell'anno'

Nel 2005 la compagnia di viaggi Sky Travel pagò uno psicologo di Cardiff per inventare la teoria del giorno più triste dell'anno per una trovata pubblicitaria

Blue Monday: storia dell'idea di marketing dietro al 'giorno più triste dell'anno'
Blue Monday

globalist

17 Gennaio 2022 - 15.30


Preroll

Se bazzicate sui social o in generale su Internet saprete che oggi è il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno. Si tratta di un trend che torna puntualmente ogni anno il terzo lunedì di gennaio e fioccano articoli che vorrebbero giustificare ‘scientificamente’ quella che altro non è che una trovata pubblicitaria ideata nel 2005. Ecco la storia: 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nel 2005 la compagnia di viaggi Sky Travel decise di promuovere un’iniziativa che voleva dimostrare che la ‘tristezza’ che si dovrebbe percepire in questo periodo aveva un fondamento scientifico: contattò lo psicologo britannico Cliff Arnall dell’Università di Cardiff che aveva inventato la teoria del Blue Monday (immediatamente screditata dal mondo accademico) e lo pagò affinché ‘affinasse’ la sua teoria. In seguito, l’agenzia usò queste finte teorie per invogliare le persone a combattere la tristezza del Blue Monday prenotando un viaggio per l’estate. 

Middle placement Mobile

Quella che nasceva come una spregiudicata (ma, bisogna ammetterlo, geniale) idea di marketing è diventata un tormentone che si ripete ogni anno, con tanti brand che hanno sfruttato il concetto del Blue Monday per cavalcare l’onda. 

Dynamic 1

L’idea è che nel terzo lunedì di gennaio il nostro cervello risenta delle basse temperature invernali, della poca luce e della distanza da qualsiasi festa che permetta uno stacco dal lavoro. Ovviamente, si tratta di variabili completamente inventate quindi, se c’è ancora qualcuno che ha dei dubbi, non esiste nessun ‘giorno più triste dell’anno’. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage