False accuse di corruzione contro Biden: la talpa confessa di aver mentito su mandato degli 007 russi
Top

False accuse di corruzione contro Biden: la talpa confessa di aver mentito su mandato degli 007 russi

Alexander Smirnov, l'ex informatore dell'Fbi recentemente incriminato per aver fornito informazioni false all'agenzia inventando accuse di corruzione nei confronti di Joe Biden e suo figlio Hunter

False accuse di corruzione contro Biden: la talpa confessa di aver mentito su mandato degli 007 russi
Alexander Smirnov
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Febbraio 2024 - 01.02


ATF

La Russia ancora una volta coinvolta nella campagna elettorale americana. Alexander Smirnov, l’ex informatore dell’Fbi recentemente incriminato per aver fornito informazioni false all’agenzia inventando accuse di corruzione nei confronti di Joe Biden e suo figlio Hunter, ha ammesso di aver ricevuto assistenza dagli agenti segreti russi nel suo tentativo di danneggiare la famiglia dell’attuale presidente.

La rivelazione è stata fatta dal dipartimento di Giustizia in un memo relativo alla sua detenzione, nel quale si afferma che l’ex talpa ammette contatti «estesi ed estremamente recenti» con dirigenti dell’intelligence di Mosca.

Smirnov, 43 anni, era stato arrestato nei giorni scorsi all’aeroporto internazionale Harry Reid di Las Vegas dopo il suo arrivo dall’estero. Era considerato uno dei testimoni chiave dell’indagine di impeachment lanciata dai repubblicani alla Camera contro il presidente e la sua presunta complicità nei controversi affari stranieri del figlio Hunter. L’ex informatore dell’Fbi è stato incriminato per aver mentito sul presunto coinvolgimento di Joe Biden e di Hunter nelle attività della società energetica ucraina Burisma, quando il primo era vicepresidente e il secondo sedeva nel board della compagnia a 50 mila dollari al mese. In particolare, è accusato di aver fatto «false dichiarazioni» e di aver «creato un precedente falso e fittizio» in relazione a un’indagine dell’Fbi, di cui è stato a lungo una talpa.

Leggi anche:  Biden pensa di lasciar cadere le accuse contro Assange, la moglie del fondatore di Wikileaks esulta

Secondo l’accusa, nel 2020 Smirnov mentì raccontando due incontri del 2015 o 2016 in cui dirigenti associati a Burisma gli avrebbero detto di aver assunto Hunter Biden per «proteggerci, attraverso suo padre, da ogni tipo di problema». L’ex informatore ha anche affermato falsamente che i dirigenti di Burisma avevano pagato 5 milioni di dollari ciascuno a Joe e Hunter Biden quando il primo era vicepresidente in modo che suo figlio «si prendesse cura di tutte quelle questioni attraverso suo padre»: un riferimento a un’indagine penale sulla compagnia energetica dell’allora procuratore generale ucraino, poi silurato su richiesta dello stesso Joe Biden – ma anche dei Paesi occidentali – per presunta corruzione.

I rapporti tra i Biden e Burisma sono stati a lungo al centro di accuse e sospetti, alimentati da Donald Trump e dai suoi alleati, e finiti al centro dell’inchiesta di impeachment lanciata in dicembre alla Camera.

Ma l’arresto dell’ex talpa infligge un duro colpo al castello accusatorio dei repubblicani, secondo cui Biden avrebbe favorito gli affari del figlio all’estero e ne avrebbe beneficiato finanziariamente. E le ultime rivelazioni sollevano sospetti inquietanti su una regia del Cremlino per favorire Donald Trump, anche se recentemente Vladimir Putin ha detto che preferirebbe Joe Biden perchè «più preparato» ma anche «più prevedibile»

Native

Articoli correlati