Ucciso in Russia un ex deputato ucraino filo-Putin: Mosca accusa gli 007 di Kiev
Top

Ucciso in Russia un ex deputato ucraino filo-Putin: Mosca accusa gli 007 di Kiev

Scovato, raggiunto da un killer che lo ha colpito con freddezza. E' morto così, vicino a Mosca, un ex deputato ucraino. Si chiamava Ilya Kiva

Ucciso in Russia un ex deputato ucraino filo-Putin: Mosca accusa gli 007 di Kiev
Ilya Kiva, ex deputato ucraino ucciso in Russia
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Dicembre 2023 - 23.37


ATF

Scovato, raggiunto da un killer che lo ha colpito con freddezza. E’ morto così, vicino a Mosca, un ex deputato ucraino. Non è morto subito, ha provato a raggiungere la hall dell’hotel dove viveva, ma non ce l’ha fatta. A trovarlo, un inserviente dell’hotel. Nel pomeriggio di oggi il suo corpo e il suo sangue erano al centro di scrupolosi rilievi di una folta squadra di investigatori russi. Tutto, come in una spy story, compresa la cornice di neve fitta che da giorni ormai avvolge la capitale russa e i suoi dintorni. 

  Per i mandanti, occhi puntati a Kyiv, ai suoi Servizi segreti. Il Dipartimento principale del Comitato investigativo per la regione di Mosca ha aperto un procedimento penale sull’omicidio dell’ex deputato della Verkhovna Rada, Ilya Kiva. L’ex parlamentare ucraino è stato ucciso nel parco del suo cottage, nel villaggio di Suponevo, distretto di Odintsovo nella regione di Mosca. Colpi precisi sparati a distanza ravvicinata, per non lasciare scampo. La scena dell’omicidio, per tutto il pomeriggio, affollata di investigatori e agenti dei Servizi di Mosca, “un gruppo di investigatori e di criminologi tra i più esperti”. precisano le fonti ufficiali.     

Leggi anche:  Fatto sparire dalle edicole il giornale che aveva pubblicato una foto di Navalny in prima pagina

Media ucraini, tra cui Suspilne, Hromadske e Ukrainska Pravda, citando fonti delle forze dell’ordine, hanno definito l’omicidio di Kiva una “operazione speciale” del Servizio di sicurezza dell’Ucraina. Un interlocutore di Ukrainska Pravda, ha confermato che Kiva è stato ucciso con armi leggere. Dall’Ucraina, Andriy Yusov, portavoce della Direzione principale dell’intelligence di Kiev, ha confermato la morte di Kiva:”Sì, possiamo confermare che Kiva è stato ucciso. E la stessa sorte toccherà ad altri traditori dell’Ucraina e scagnozzi del regime di Putin”. Parole inequivocabili, una rivendicazione.   

 A dare per primi la notizia dell’agguato a Kiva sono stati i notiziari del canale televisivo REN, così come i canali telegram Mash e VChK-OGPU. Di seguito, la conferma di RIA Novosti e RBC. Secondo i canali telegram Mash e Baza, il corpo di Ilya Kiva è stato trovato nel parco vicino all’hotel Velich Country Club. 

 Un profilo della vittima dell’agguato: nel 2014, Ilya Kiva ha guidato la sezione del “Settore Destro” ucraino ed è stato un consigliere del leader di questa organizzazione, Dmytro Yarosh, candidato alle presidenziali in Ucraina. Dal 2019 al 2021, poi, è stato membro del partito ucraino filorusso “Piattaforma di opposizione – Per la vita”, dal quale  è stato espulso dopo aver criticato la leadership del partito. Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Kiva ha ripetutamente criticato Zelensky e le autorità ucraine, sostenendo Vladimir Putin. In uno dei tanti interventi pubblici ha avuto modo di dire che “il popolo ucraino ha bisogno di liberazione”. E’ stato nel marzo 2022, che la Verkhovna Rada ha spogliato Kiva del suo mandato parlamentare. Infine, lo scorso novembre un tribunale ucraino lo aveva condannato in contumacia a 14 anni, con l’accusa di tradimento. Questo pomeriggio, la sentenza senza possibilità di appello.

Native

Articoli correlati