Israele e la storia di Abu Khdeir, sedicenne palestinese bruciato vivo dal terrorismo ebraico
Top

Israele e la storia di Abu Khdeir, sedicenne palestinese bruciato vivo dal terrorismo ebraico

Questa è la storia di un adolescente palestinese bruciato vivo da terroristi ebrei. Sì, perché esiste anche un terrorismo ebraico.

Israele e la storia di Abu Khdeir, sedicenne palestinese bruciato vivo dal terrorismo ebraico
I genitori di Abu Khdeir bruciato vivo da terroristi ebraici
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

29 Novembre 2023 - 16.32


ATF

Questa è la storia di un adolescente palestinese bruciato vivo da terroristi ebrei. Sì, perché esiste anche un terrorismo ebraico.

La storia di Mohammed

 A darne conto, con un editoriale e due documentati articoli, è Haaretz.

 “Mentre Israele è in guerra, e dopo che il ministro della Giustizia Yariv Levin ha firmato un ordine per far funzionare i tribunali in condizioni di emergenza, è stato deciso che un comitato speciale per la libertà vigilata per fissare la durata delle condanne all’ergastolo si riunirà domenica per discutere il commuto delle condanne dei tre assassini dell’adolescente Mohammed Abu Khdeir e trasmetterà le sue raccomandazioni al ministro della Giustizia e al presidente.

L’omicidio di Abu Khdeir è un atto di terrorismo ebraico molto simile a quello commesso dai terroristi di Hamas il 7 ottobre. Abu Khdeir aveva 14 anni quando  tre giovani lo rapirono nel luglio 2014 vicino alla sua casa nel quartiere Shoafat di Gerusalemme. I tre hanno cercato di vendicare gli omicidi dei ragazzi Gil-Ad Sha’er, Naftali Frenkel ed Eyal Yifrah – che sono stati rapiti dai palestinesi a Gush Etzion e uccisi – e hannotrascinato  Abu Khdeir nella foresta di Gerusalemme, dove hanno versato carburante su di lui e gli hanno dato fuoco. Abu Khdeir bruciò a morte.

Uno degli assassini, Yosef Ben David, è stato condannato all’ergastolo più 20 anni di carcere. Il suo parente minore è stato condannato all’ergastolo più tre anni e un altro minore, che non ha preso parte all’omicidio vero e proprio, è stato condannato a 21 anni di carcere. Il comitato discuterà la richiesta dei primi due di fissare un periodo di tempo per le loro condanne e la richiesta del terzo di commutare la sua.

Ci si deve chiedere: cosa c’è di così urgente per la commissione per la libertà vigilata di discutere di stabilire la durata dei loro termini ora – meno di 10 anni dopo l’evento, nel bel mezzo della guerra e con il sistema giudiziario che opera a livelli di emergenza? Come hanno potuto essere rinviate migliaia di udienze giudiziarie, essendo state ritenute “non urgenti”, ma la discussione sulla definizione dei termini dei terroristi ebrei deve essere convocata nel bel mezzo della guerra?

Il ministero della Giustizia ha spiegato che la commissione per la libertà vigilata deve discutere la richiesta. Questa risposta è evasiva. La questione non è se la commissione per la libertà vigilata sia tenuta in linea di principio a discutere le richieste, ma perché sia così urgente per loro farlo ora, di tutti i tempi. La tempistica è sospetta e la famiglia Abu Khdeir teme che la spiegazione sia che il rilascio dei prigionieri palestinesi come parte dell’accordo con Hamas prepara il terreno, in termini di opinione pubblica, per acconsentire alle richieste degli assassini e commutare le loro condanne.

Questo sospetto non è infondato. È difficile non chiedersi se questo sia un tentativo di sfruttare l’umore pubblico dopo l’attacco omicida di Hamas per influenzare la posizione del comitato a favore dei terroristi ebrei.

Lo stesso svolgimento dell’udienza di domenica indica che c’è simpatia nel governo per i terroristi ebrei. E questa non è solo la prova del marciume morale che si diffonde attraverso il governo – indica anche la volontà criminale di giocare con la volatilità del nazionalismo ebraico per fomentare la guerra anche su altri fronti. Questa udienza dovrebbe essere rinviata immediatamente. E se dovesse riunirsi a prescindere, le richieste dovrebbero essere respinte a titolo definitivo. Israele deve dire chiaramente di no al terrorismo ebraico”.

Leggi anche:  Netanyahu presenta il suo piano per il dopo-Hamas a Gaza

Così l’editoriale. Dire no al terrorismo ebraico vuol dire anzitutto riconoscerlo come tale. Un governo che ha al proprio interno ministri che considerano Yigal Amir, l’assassino di Yitzhak Rabin, un eroe di “Eretz Israle”, è alquanto improbabile che si spinga a tanto. 

I dettagli di una storia inquietante

Così ne scrive Josh Breiner: “Il dipartimento di grazia del ministero della Giustizia ha recentemente contattato la famiglia di Mohammed Abu Khdeir, un adolescente che è stato rapito e bruciato vivo da tre ebrei nel 2014, per conoscere la loro posizione sulle richieste di riduzione delle pene dei tre, compresi i due che sono stati condannati all’ergastolo.

“Pensavo che fossero pazzi, è completamente folle”, dice Hussein Abu Khdeir, padre del ragazzo ucciso. “Non ho dormito la notte della telefonata e le notti successive. Qualcuno sta pensando di liberare questi assassini? Cosa pensavano, che avremmo detto di sì? Pazzi. Se ricevono un perdono o qualsiasi riduzione, non mi siederò tranquillamente. Non posso. Come può essere? Questo mondo è impazzito, per perdonarli? La mia paura è che in questo governo estremista, tutto sia possibile”.

L’appello alla famiglia Abu Khdeir, rivolto sia al padre che alla madre della vittima, è stato fatto dopo che tutti e tre gli assassini, Yosef Ben David e i due minori, nelle ultime settimane hanno presentato mozioni per ridurre le loro condanne. I tre, Ben David e due parenti, allora di 17 e 16 anni, sono stati condannati per aver rapito e ucciso Mohammed Abu Khdeir nel luglio 2014, dopo averlo preso con la forza da Beit Hanina e poi averlo bruciato a morte nella foresta di Gerusalemme dopo averlo cosparso  di carburante che avevano comprato prima dell’omicidio.

I tre sono stati condannati nei tribunali distrettuali e supremi, con Ben David che ha ricevuto l’ergastolo più altri 20 anni, l’ergastolo di 17-year-old più tre anni e il 16-old che ha ricevuto 21 anni di carcere, anche se uno dei giudici ha ritenuto che anche lui avrebbe dovuto essere condannato all’ergastolo.

Nel respingere l’appello dei tre, la sentenza della Corte Suprema recita, in parte: “Qual è la fontana da cui i tre hanno bevuto il diluvio di odio e razzismo che li ha accecato, al punto che non sono riusciti a vedere che stavano soffocando, covando nel cranio e bruciando un essere umano nato a immagine di Dio? Cosa hanno imparato, recitato e interiorizzato in qualche stazione durante gli anni della loro scuola e fanciullezza, che li ha portati alla facilità insopportabile di prendere la vita di un giovane arabo? Gli atti dei ricorrenti sono diventati “l’affare Abu Khdeir”, da tempo oltrepassati i confini di un normale caso penale. Richiede una profonda contabilità da parte della società israeliana […] per sradicare tale male dall’interno di essa”.

Haaretz ha appreso che negli ultimi mesi i tre hanno presentato mozioni per ridurre le loro condanne, questo dopo nove anni dall’inizio della loro incarcerazione. Ben David e il minore più anziano hanno presentato la loro richiesta al comitato speciale per la libertà vigilata che dovrebbe discuterne, mentre il minore condannato a 21 anni di carcere ha fatto appello direttamente al presidente per la clemenza nella riduzione della sua pena.

Secondo le procedure e la legge sulle vittime di reato, la richiesta del minore è stata trasmessa per ricevere la posizione del ministero della Giustizia e del ministro, che dovrebbero contattare la famiglia della vittima per ascoltare la loro posizione. Allo stesso tempo, a causa della richiesta dei due prigionieri a vita, alla famiglia Abu Khdeir è stata chiesta anche la sua posizione nel loro caso. “Ho detto loro subito che non c’è una possibilità nel mondo, sto ancora tremando”, ha detto il padre, Hussein.

Leggi anche:  Israele, il doppio paradosso

Contemporaneamente, il dipartimento di grazia ha contattato il servizio carcerario per quanto riguarda il minore condannato a 21 anni di carcere e il suo processo di riabilitazione. Se il consiglio speciale per la libertà vigilata raccomanda di ridurre le pene detentive degli assassini, la questione sarà trasmessa al presidente Isaac Herzog, che alla fine dovrebbe decidere di ridurre le condanne.

La commissione speciale per la libertà vigilata che ascolta i casi dei prigionieri a vita è composta da un giudice del tribunale distrettuale, un giudice del tribunale del magistrato in pensione, un rappresentante con anni di esperienza in criminologia o istruzione per conto del ministro della giustizia e il capo del dipartimento di grazia presso il ministero della Giustizia.

Per quanto riguarda la richiesta di grazia del minorenne, la decisione è in definitiva di Herzog, dopo aver ricevuto la posizione del ministero della Giustizia e del ministro, e quella del dipartimento di grazia”.

Nessun risarcimento

Di cosa si tratti lo spiega, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Rivitale Hovel. “L’ufficio del procuratore di stato ha abbandonato il suo piano di presentare una richiesta monetaria contro gli assassini ebrei di Mohammed Abu Kheiter, il sedicenne palestinese di Gerusalemme Est che è stato rapito e ucciso nel 2014. Lo Stato inizialmente prevedeva di citare in giudizio i tre per ottenere il rimborso del risarcimento che ha pagato alla famiglia Abu Khdeir come vittime del terrorismo, ma ora ha abbandonato l’idea dopo aver appreso che tre assassini non hanno beni reali.

Al contrario, nel 2017 l’accusa è andata avanti con cause contro le famiglie di due terroristi palestinesi per circa 10 milioni di shekel (2,8 milioni di dollari), anche se le famiglie non avevano beni importanti. In quei casi, i terroristi sono stati uccisi nel corso dei loro attacchi, ma lo stato ha deciso di perseguire le rivendicazioni contro i loro eredi legali. Uno dei due aggressori palestinesi è stato trovato proprietario del camion che ha usato in un attacco speronatore a Gerusalemme. L’ufficio del procuratore ha rilasciato una dichiarazione per questa storia dicendo che la sua decisione di perseguire cause civili contro le famiglie dei terroristi è in calo senza riguardo alla loro razza, religione o genere.

La causa proposta contro gli assassini ebrei di Abu Khdeir ha avuto origine con l’ufficio del procuratore di Gerusalemme. Dopo che i tre imputati hanno perso il loro appello alla Corte Suprema a febbraio, l’ufficio del procuratore distrettuale di Gerusalemme ha presentato una bozza di una causa al procuratore di Stato Shai Nitzan, che a sua volta ha chiesto di determinare prima che gli assassini avessero beni in modo che se fosse stata ottenuta una sentenza monetaria contro di loro in tribunale, era chiaro che il denaro poteva essere raccolto piuttosto che impegnarsi in procedimenti legali infruttuosi.

Tuttavia, i pubblici ministeri che hanno visto la risposta via e-mail di Nitzan sulla questione hanno affermato che anche in precedenza, aveva sollevato la questione se gli assassini di Abu Khdeir dovessero essere citati in giudizio. Ha anche chiesto di tenere una riunione sull’argomento, che non ha avuto luogo, hanno detto le fonti.

Leggi anche:  L'ambasciatrice degli Emirati accusa Israele: "Ostacola l'accesso di cristiani e musulmani nei luoghi santi"

Alcune delle persone coinvolte nella questione hanno interpretato l’e-mail di Nitzan come uno stop all’intero sforzo per ottenere un risarcimento dagli assassini, Yosef Chaim Ben-David e due minori, le cui identità non possono essere divulgate. Fonti dell’ufficio del procuratore distrettuale di Gerusalemme hanno espresso preoccupazione per il fatto che Nitzan avesse voluto tenere un incontro sulla questione anche prima di sapere qualcosa sulla situazione finanziaria degli assassini.

Successivamente i pubblici ministeri hanno chiesto al National Insurance Institute di indagare sulle circostanze economiche degli assassini per determinare se qualcuno di loro possedeva proprietà o aveva attività finanziarie. Secondo i pubblici ministeri, è stato scoperto che non hanno beni che potrebbero essere sequestrati per soddisfare qualsiasi giudizio monetario che lo stato potrebbe ottenere.

L’imputato adulto nel caso Abu Khdeir, Ben-David, è stato condannato all’ergastolo più 20 anni ed è stato condannato a pagare alla famiglia Abu Khdeir 150.000 shekel in risarcimento. Uno dei due minori è stato condannato all’ergastolo, mentre l’altro è stato condannato a 21 anni. A ciascuno fu ordinato di pagare agli Abu Khdeir 30.000 shekel. Ad aprile la famiglia Abu Khdeir ha intentato una propria causa contro i tre per 5,6 milioni di shekel.

In casi non correlati circa un anno fa, il ramo civile dell’ufficio del procuratore di Gerusalemme ha intentato due cause contro le famiglie di terroristi di Gerusalemme Est che hanno ucciso israeliani in cerca di un risarcimento simile. Anche in quei casi, i pubblici ministeri sono stati incaricati di indagare se le famiglie avessero mezzi finanziari, e anche se sono stati trovati pochi beni, le richieste sono andate avanti e rimangono in sospeso.

Lo Stato chiede circa 2 milioni di shekel in relazione a ciascuna vittima degli attacchi. Ha rilasciato una dichiarazione sul deposito di tali cause civili dicendo che oltre a recuperare le somme che lo stato aveva pagato in risarcimento, le cause avrebbero inviato un chiaro messaggio che lo stato non esiterebbe a presentare rivendicazioni civili contro gli autori del terrorismo.

Nel caso di Fadi Qunbar, il terrorista che si è lanciato con  un’auto contro i pedoni nel quartiere Armon Hanetziv di Gerusalemme nel gennaio 2017, lo Stato ha intentato una causa per 8 milioni di shekel contro la sua vedova e quattro figli, il più grande dei quali ha otto anni. Un’indagine sulle finanze della famiglia ha rivelato che la famiglia possedeva il camion che Qunbar aveva usato per commettere l’attacco. La casa della famiglia è stata rasa al suolo. Una seconda causa è stata intentata contro la famiglia di un terrorista che ha sparato e ucciso due persone a Gerusalemme nell’ottobre 2016.

L’ufficio del procuratore ha detto che prima di intentare cause civili contro i terroristi o le loro famiglie per rimborsare lo stato per il risarcimento, fa un esame di fattibilità economica, basato su criteri economici identici e indipendentemente dalla razza, dalla religione o dal sesso degli imputati – per evitare di sprecare risorse statali per presentare richieste inesigibili se viene emessa una sentenza a favore dello Stato. Nel caso di omicidio di Abu Khdeir, ha detto l’ufficio del pubblico ministero, i pubblici ministeri hanno preso in considerazione la possibilità di fare causa agli assassini, ma dopo un esame preliminare di fattibilità economica, hanno concluso che non possedevano beni di valore economico: e non ha senso fare causa in questo momento”..

Native

Articoli correlati