Polonia: F-35 italiani intercettano due caccia Su-30 russi dallo spazio aereo Nato
Top

Polonia: F-35 italiani intercettano due caccia Su-30 russi dallo spazio aereo Nato

In Polonia, gli F-35 dell'Aeronautica militare italiana impegnati nella tutela dello spazio aereo della Nato, hanno intercettato e respinto due aerei da caccia russi.

Polonia: F-35 italiani intercettano due caccia Su-30 russi dallo spazio aereo Nato
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Settembre 2023 - 21.45


ATF

In Polonia, gli F-35 dell’Aeronautica militare italiana impegnati nella tutela dello spazio aereo della Nato, hanno intercettato e respinto due aerei da caccia russi. Questo episodio si è verificato il 21 settembre, quando i velivoli italiani, stazionati presso la base aerea di Malbork, sono stati rapidamente dispiegati per una missione di “alfa scramble,” finalizzata all’identificazione di aerei non identificati. Scopo della missione era intercettare due aerei che in seguito si sono rivelati provenienti dalla Russia e penetrati nello spazio aereo della Nato.

I caccia russi erano decollati senza attivare i transponder, i dispositivi di identificazione di posizione, salendo rapidamente in quota e oltrepassando i “corridoi” utilizzati dai voli commerciali. Hanno quindi sfrecciato nelle acque internazionali del Mar Baltico, volando a velocità superiori a due Mach (due volte la velocità del suono).

L’ordine di scramble è giunto dal centro di operazioni aeree di Uedem, in Germania, l’ente di controllo della Nato incaricato di monitorare tutte le tracce radar relative a velivoli sospetti che si avvicinano o cercano di entrare nello spazio aereo della Nato senza le dovute autorizzazioni.

Leggi anche:  La Nato imputa alla Cina il ruolo decisivo nella guerra della Russia all'Ucraina

In questo contesto, sul Mar Baltico, due cacciabombardieri italiani F-35A appartenenti alla Task Force Air-32nd Wing dell’Aeronautica Militare Italiana hanno affrontato il raid dei due Su-30 russi, che si sono avvicinati alla frontiera della Polonia senza alcun preavviso. Si è trattato di un incontro ravvicinato a un’altitudine di 12.000 metri, coinvolgendo i piloti di entrambe le parti abituati a questo tipo di situazioni, che purtroppo si ripetono abbastanza spesso nei cieli europei.

Nel pomeriggio del 21 settembre, due F-35A della Task Force Air-32nd Wing dell’Aeronautica Militare Italiana hanno eseguito una missione di scramble dalla base aerea di Malbork, situata nel sud-est di Danzica, con il coordinamento della Nato.

Native

Articoli correlati