Top

Putin e la "denazificazione" dell'Ucraina: una menzogna storica da smontare

sPutin Saccheggia e stravolge la storia della Russia e quella dell’Unione Sovietica, utilizzandola per giustificare l’invasione dell’Ucraina. Una retorica nazionalista che va decodificata, spiegata.

Putin e la "denazificazione" dell'Ucraina: una menzogna storica da smontare
Vladimir Putin

Umberto De Giovannangeli

10 Marzo 2022 - 17.37


Preroll

Il richiamo alla “Grande Guerra Patriottica” è costante, ossessivo. Così come definire i governanti di Kiev una “banda di nazisti”, per giunta ubriachi, al potere in Ucraina. La guerra di Putin si nutre di questa narrazione. Saccheggia e stravolge la storia della Russia e quella dell’Unione Sovietica, utilizzandola per giustificare l’invasione dell’Ucraina. Una retorica nazionalista che va decodificata, spiegata. E’ ciò che fa, con un interessante articolo su Haaretz, Ksenia Svetlova. Ex membro della Knesset (il Parlamento israeliano), la professoressa Svetlova è direttore  a former member of dell’ Israel-Middle East program at Mitvim – the Israeli institute for Regional Foreign Policy, and a policy fellow at the Institute for Policy and Strategy at Reichmann University. E’ autrice di “On High Heels through the Middle East” (Sui tacchi alti attraverso il Medio Oriente (Pardes, 2021).

OutStream Desktop
Top right Mobile

La narrazione “patriottica”

Middle placement Mobile

Scrive Svetlova: “Quando ci dicono che il nazionalismo ucraino e il neonazismo sono un mito, ‘propaganda inventata dalla Russia’, ovviamente contano su qualcuno che non conosce la storia della questione. Le radici del nazismo in Ucraina affondano nei secoli passati, paralizzando molte delle anime nobili e libere del popolo della Piccola Russia [Ucraina]” – Maria Zakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo.

Dynamic 1

Quando il presidente russo Vladimir Putin ha offerto al mondo la sua prolungata lezione di storia alternativa, giorni prima di invadere l’Ucraina, ha dedicato una parte significativa del suo discorso televisivo al “neonazismo ucraino”. Due giorni dopo, quando ha annunciato l’inizio della sua “operazione speciale” in Ucraina volta a proteggere il “popolo sofferente del Donbas”, ha menzionato la “denazificazione” come uno dei suoi obiettivi chiave, insieme alla smilitarizzazione dell’Ucraina. 

Per chiunque non abbia seguito la televisione russa negli ultimi otto anni, le affermazioni di Putin potrebbero suonare strane. Ma se hai assorbito ore di dibattiti infiniti sul “neonazismo ucraino ereditario”, storie di ragazzi russi crocifissi e orde di russofobi ucraini che assaltano famiglie pacifiche nell’Ucraina orientale – tutte fake news – è notevolmente più facile capire il contesto della retorica di Putin. Secondo uno studio del 2018 dell’Ukrainian Crisis Media Center, tra il 2014-2017 un terzo di tutte le notizie sui principali canali televisivi russi si concentrava sull’Ucraina, e più del 90% delle menzioni erano negative. Queste erano le cinque narrazioni principali promosse con più energia dalle piattaforme mediatiche russe gestite dallo Stato: 

Dynamic 2

C’è una guerra civile in Ucraina: 33 per cento 

L’Ucraina è uno stato indipendente fallito: 22 per cento

Dynamic 3

La Russia aiuta il Donbas: 15 per cento 

L’Ucraina è piena di irrazionali odiatori della Russia: 10 per cento 

Dynamic 4

Fascisti ed estremisti stanno distruggendo l’Ucraina: 7 percento

Come possiamo vedere ora, ognuna di queste narrazioni è attualmente utilizzata dal governo russo per spiegare la necessità dell’invasione e la sua natura intransigente.

Dynamic 5

Da quei fatidici giorni della rivoluzione di Maidan nel febbraio 2014, quando il satrapo di Putin Victor Yanukovich fu spodestato dal potere, il Cremlino ha dipinto l’Ucraina come un luogo pericoloso e radicale gestito da fascisti e neonazisti. Negli ultimi otto anni il termine “neonazisti” è stato sostituito da un semplice “nazisti”, e questo è il termine tossico che i corrispondenti militari russi, i conduttori di talk show, gli analisti e i politici ora usano nei confronti dell’Ucraina. 

Quest’ultimo punto è particolarmente significativo nel creare l’odierna narrazione a specchio di “noi [Russia] contro i nazisti [Ucraina]”. Il ricordo della Grande Guerra Patriottica, che “inizia” nel racconto russo dall’invasione dell’URSS da parte di Hitler nel giugno 1941, è ancora molto vivo nelle comunità russofone di tutto il mondo. 

Tutti hanno un nonno o una nonna che ha combattuto nell’Armata Rossa, è morto per mano dei nazisti in Bielorussia, Ucraina, Russia, è stato evacuato nelle repubbliche dell’Asia centrale ed è sopravvissuto a stento, è morto di fame nell’assedio di Leningrado o si è unito ai partigiani nei boschi. Mentre il Giorno della Vittoria, il 9 maggio, è sempre stata una festa amata e agrodolce nell’era sovietica, nella Russia di Putin divenne l’unica vera festa ideologica del calendario, dato che il Giorno di Maggio e il Giorno della Rivoluzione d’Ottobre avevano perso la loro risonanza.

Nella Russia di Putin, ogni anno le parate sono diventate più grandiose e la retorica intorno ad esse – più aggressiva e tagliente. Uno slogan comune è: “Mojem povtorit” – Possiamo farlo di nuovo. Significa che la Russia moderna può ripetere la vittoria sovietica sui nazisti, ovunque essi siano e in qualsiasi forma si presentino.

Quell’accusa ricorrente

E non è stata solo l’Ucraina ad essere tacciata come “neonazista”, “filonazista” o semplicemente “nazista” durante gli ultimi otto anni. L’Europa in generale, e in particolare la Polonia e la Germania, sono state descritte dai propagandisti russi come tendenti al nazismo, mentre la Russia è stata dipinta come l’ultimo bastione contro di esso, proprio come nel giugno 1941 quando Hitler attaccò l’Unione Sovietica.

Conteneva una minaccia e una promessa nascosta. Promuovendo la narrativa della “Russia contro i nazisti”, la leadership russa si è anche esentata da qualsiasi paragone con il fascismo, trasformando i presupposti in fatti: i vincitori, coloro che hanno liberato l’Europa dai nazisti, non possono essere malfattori per definizione, mentre l’Europa che ha ceduto all’invasione nazista e non è stata in grado di proteggersi ospitava ancora il virus nazista. 

La narrazione è in bianco e nero: Gli ucraini erano antisemiti e nazisti, mentre i russi erano liberatori dell’Armata Rossa che ancora oggi combattono contro il nazismo. Tutto questo è in contrasto con i fatti evidenti che tutti i cittadini sovietici servivano nell’Armata Rossa, compresi gli ucraini, mentre l’antisemitismo era diffuso sia nell’Impero Russo che nell’Unione Sovietica.

A questo punto viene in mente il collegamento con Israele. Tra 1,2 milioni di israeliani di lingua russa, c’erano e ci sono molti veterani dell’Armata Rossa, veri eroi che hanno marciato fino a Berlino, che hanno liberato Auschwitz e le capitali d’Europa. Il Giorno della Vittoria è ancora celebrato da molti israeliani che hanno fatto l’aliya dall’ex Unione Sovietica, che sanno bene che se non fosse stato per quella vittoria duramente conquistata, non ci sarebbe stato alcun futuro per il popolo ebraico da nessuna parte.

Questo sentimento e il riconoscimento dell’eredità degli ebrei ex-sovietici, che comprende non solo l’Olocausto, ma anche il combattimento nell’Armata Rossa (oltre 650.000 ebrei hanno combattuto, molti si sono offerti volontari per andare al fronte) è stato sfruttato da Mosca per reclutare Israele e le sue istituzioni nella sua guerra narrativa contro l’Ucraina e l’Europa.

Mentre i leader europei si sono rifiutati di unirsi alle parate militari del Primo Maggio di Mosca negli ultimi anni, rifiutando le politiche di Putin, il primo ministro di Israele ha collaborato con entusiasmo. Nel 2018, Benjamin Netanyahu è stato uno dei due soli leader occidentali che hanno marciato fianco a fianco con il presidente Putin il 9 maggio. Il secondo era il presidente serbo Aleksander Vucic.

“Non permetteremo mai che la storia venga riscritta e non permetteremo mai a nessuno di dimenticare chi ha salvato il mondo dalla schiavitù e dallo sterminio. Fu l’URSS a determinare l’esito della Seconda Guerra Mondiale, ma oggi loro [l’Occidente/Europa] stanno cercando di riscrivere la storia e noi non lo permetteremo.

“Le stesse brutte caratteristiche emergono come nuove minacce: egoismo e intolleranza, nazionalismo aggressivo e pretese di esclusività. Comprendiamo la gravità di queste minacce”, ha opinato Putin, rivolgendosi al popolo russo quel giorno. 

Coinvolgendo Israele e le organizzazioni israeliane in questa narrazione, la Russia stava cercando di mantenere una carta molto importante: Aveva gli ebrei dalla sua parte e quindi parlava anche in loro nome, attaccando gli atti di antisemitismo che si verificavano nelle parti d’Europa ancora ‘contaminate dai nazisti’ – Ucraina, Polonia e Germania, tra le altre. 

Non c’è dubbio che negli ultimi anni l’antisemitismo è stato in marcia in tutto il mondo – soprattutto in Europa e negli Stati Uniti – come si riflette nei dati raccolti da molte organizzazioni di monitoraggio. Non c’è motivo di ignorare o perdonare il fatto che in Ucraina, come in molti altri paesi del continente, ci sono gruppi neonazisti e di estrema destra che marciano con torce, brandiscono tatuaggi con svastiche e incitano, se non commettono violenza. Questo tipo di manifestazioni non può essere tollerato, non in Ucraina, non negli Stati Uniti e non in Russia.

Tuttavia, quando questi fatti vengono gonfiati oltre ogni proporzione e interpretati come pari alla minaccia nazista all’umanità nel 1939, Israele dovrebbe essere allarmato. Quando la Russia alza una falsa bandiera di “denazificazione” per giustificare l’invasione di una democrazia con una fiorente comunità ebraica, una considerevole popolazione di cittadini israeliani, un presidente ebreo, deputati ebrei e una legislazione che criminalizza l’antisemitismo, Israele dovrebbe alzarsi e resistere. 

La spinta “de-nazificazione” di Putin è sia falsa che pericolosa. Equipara il governo ucraino guidato da Volodymyr Zelenskyy al Terzo Reich e l’Olocausto al “genocidio” dei russi nel Donbass – entrambe accuse infondate, spurie e revisioniste.

E soprattutto, quando Mosca usa questa stessa retorica per bombardare le città ucraine e uccidere i cittadini ucraini, Israele, la “nazione del mai più”, dovrebbe essere sempre la prima a opporsi, a rifiutare l’elemosina degli oligarchi della cricca di Putin e a rifiutare la retorica che fa leva sulla sofferenza ebraica per mascherare atrocità e aggressioni”.

Fin qui la professoressa Svetlova. Ne consigliamo la lettura a tutti, soprattutto a quelli che, a sinistra, continuano a bersi le fake ricostruzioni storiche del “tovarish Vladimir”.

Un “tovarish” ben strano. Visto che nel corso degli anni ha lautamente finanziato gruppi e partiti di estrema destra, anche di chiara ispirazione neo nazista e antisemita, in tutta Europa. 

Lettura istruttiva

E’ quella del report di Nona Mikhelidze, pubblicato da  Affariinternazionali.it  (traduzione di Flavia Fusco).

“La strategia di information warfare della Russiaconsta di una serie di strumenti parte di un approccio integrato che vanno dalla disinformazione all’ingerenza nella politica di altri Paesi (al fine di condizionarne le policy), dall’indebolimento della fiducia popolare e nelle istituzioni democratiche (soprattutto euro-atlantiche) fino a campagne coordinate per influenzare uno o più aspetti specifici delle politiche dell’Unione europea e della Nato.

La narrativa della disinformazione contro le istituzioni euro-atlantiche si sviluppa a partire da due presupposti principali: “l’Ue è la patria dell’avidità, delle false credenze, del degrado morale e della “russofobia”, mentre “la Russia è l’unico custode dei valori conservatori europei”; e “la Nato è una finzione, uno strumento di espansione militare verso l’Est e l’incarnazione vivente di un cinico tradimento delle promesse fatte all’Unione sovietica”. Per diffondere questa narrazione, il Cremlino ha iniziato ad avere come interfaccia quei partiti europei che cercano di compromettere la coesione politica all’interno dell’Ue e dell’Alleanza atlantica, spezzando i legami di queste organizzazioni con i Paesi limitrofi e infiammando i sentimenti antioccidentali.

Così facendo, l’establishment politico russo ha costruito i suoi legami con laLega in Italia, il Front National in Francia, il Front National in Francia, Jobbik in Ungheria, il Partito della Libertà (Fpö) in Austria, Alba Dorata in Grecia, e altri partiti o movimenti di estrema destra in Europa. Ma, come detto, non si tratta solo di assistere finanziariamente le forze politiche di destra in tutta Europa, ma anche, più in generale, di interferire negli affari politici interni dei Paesi occidentali, come nel caso del referendum sulla Brexitin Gran Bretagna dell’accordo di Prespatra Atene e Skopje. […]. Nel corso degli anni, il sostegno della Russia a partiti, gruppi e associazioni di estrema destra è stato funzionale al rafforzamento della posizione degli euroscettici in tutta Europa al fine di indebolire le istituzioni euro-atlantiche e allargare le divisioni politiche all’interno di queste organizzazioni; ma anche al cambio di passo dell’approccio dell’Unione europea verso il regime di Putin, nella speranza di contribuire al graduale ritorno di Bruxelles al business-as-usual con Mosca. L’obiettivo generale, però, resta quello di fomentare la sfiducia e compromettere la fede nelle istituzioni democratiche e nella democrazia stessa”.

L’articolo è dell’ottobre 2019. Sembra oggi. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage