L'Ue approva la legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari: sconfitta la destra negazionista
Top

L'Ue approva la legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari: sconfitta la destra negazionista

L'Unione Europea ha approvato una legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari entro la fine del decennio. Una vittoria risicata nonostante sia una legge fondamentale

L'Ue approva la legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari: sconfitta la destra negazionista
La ministra austriaca dell'ambiente Leonore Gewessler
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Giugno 2024 - 14.58


ATF

L’Unione Europea ha approvato una legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari entro la fine del decennio

Una vittoria risicata per i sostenitori, dopo le aspre proteste degli agricoltori, la perdita di seggi verdi a favore dell’estrema destra e i contrasti politici

L’Unione europea ha approvato una legge storica per la protezione della natura dopo un voto al cardiopalma, ponendo fine a una situazione di stallo che durava da mesi tra gli Stati membri, spaventati dalle feroci proteste degli agricoltori.

Ma un ripensamento dell’ultimo minuto da parte dell’Austria, a cui si attribuisce il merito di aver salvato la proposta, ha gettato il Paese nel caos politico, con l’ÖVP, il partito di centro-destra al governo, che ha annunciato che presenterà un’accusa penale contro il ministro del clima dei Verdi.

La legge sul ripristino della natura, che si è rivelata il pilastro più controverso del Green Deal europeo e ha rischiato di fallire all’ultimo ostacolo, fissa l’obiettivo di ripristinare almeno il 20% delle terre e dei mari dell’UE entro la fine del decennio.

Leggi anche:  L'eurodeputata di estrema destra in aula con la museruola da in escandescenze: espulsa

I legislatori e i governi avevano attenuato la proposta nei mesi precedenti le elezioni europee, in cui i partiti di estrema destra hanno guadagnato seggi e i partiti verdi li hanno persi. Ma nonostante le concessioni, i sostenitori hanno conquistato a malapena un numero sufficiente di Stati membri nella votazione di lunedì in Lussemburgo.

“Oggi segna un giorno importante per l’Europa, in quanto passiamo dalla mera protezione e conservazione della natura al suo ripristino attivo”, ha dichiarato César Luena, l’eurodeputato spagnolo di centro-sinistra che ha guidato i negoziati del Parlamento europeo sulla legge.

L’anno scorso la proposta è stata quasi silurata dal Parlamento europeo e poi è stata portata sull’orlo del collasso a marzo, quando l’Ungheria ha inaspettatamente ritirato il suo sostegno. L’Irlanda ha guidato una successiva spinta per conquistare altri Paesi, esortando i ministri a non fare marcia indietro sui compromessi già concordati.

Ma fino agli ultimi istanti non era chiaro se i sostenitori della legge avessero raccolto abbastanza voti per raggiungere la maggioranza qualificata del 55% degli Stati membri che rappresentano almeno il 65% della popolazione dell’UE.

Leggi anche:  L'eurodeputata di estrema destra in aula con la museruola da in escandescenze: espulsa

I ministri dell’Ambiente hanno votato la legge con una maggioranza risicata, dopo che la Slovacchia e l’Austria hanno cambiato idea, superando la soglia della popolazione di 1,07 punti percentuali.

Pieter de Pous, analista del thinktank sul clima E3G, ha dichiarato: “In nessun’altra parte del mondo è rimasta così poca natura, c’era più bisogno di questa legge e si è arrivati così vicini a non averla”.

Il sostegno dell’Austria è stato fondamentale per far pendere l’ago della bilancia. La ministra del Clima Leonore Gewessler, dei Verdi, era stata una sostenitrice della legge sul ripristino della natura, nonostante la forte opposizione dei suoi partner di coalizione. Ma fino al mese scorso, le sue mani erano state legate da un blocco unanime degli Stati federali austriaci, che si opponevano alla legge.

Native

Articoli correlati