"Vergogna, buffone": i NoTriv contestano il deputato M5s Sodano

Il grillino aveva preso la parola alla manifestazione di Licata per dare la colpa a Monti e al Pd. Fischi dalla piazza: "Al governo ci sei tu"

Il grillino Michele Sodano deputato M5s

Il grillino Michele Sodano deputato M5s

globalist 12 gennaio 2019
Non li stano andando ancora a cercare con i forconi ma è certo è che gli alibi stanno finendo e tanti elettori grillini si stanno mordendo le mani.
Migliaia di persone in piazza, in Sicilia, a Licata e Gela contro le trivelle nel mar Mediterraneo, al largo delle coste agrigentine e di Caltanissetta.
E nel corso della manifestazione, il deputato nazionale del M5S Michele Sodano è stato contestato, a Licata, al termine del corteo.
Il giovane parlamentare agrigentino, salito sul palco in piazza Progresso per spiegare il proprio no alle trivelle, è stato accolto dai fischi e dalle urla di un gruppo di cittadini. Ripetuti "Vergogna!", "Vergogna!" al suo indirizzo.
Soprattutto quando Sodano ha detto: "Tutte queste autorizzazioni sono state date a partire dal 2010 dal governo Monti e dal governo Pd".
In molti gli hanno risposto gridando "Vergognati" e "Buffone!". Il parlamentare grillino ha replicato: "No, non mi vergogno, perché sono qui senza una bandiera e perché da mesi combatto per bloccare queste trivellazioni, e quelle in tutta Italia e sono molto disteso".
"Questa non è una piazza facile…", ha ammesso Sodano prima di una nuova bordata di contestazioni. Un cittadino gli ha gridato e ricordato: "Ma ci sei tu al governo!".