Top

Ucraina, la presidente della Bce Lagarde: "La guerra avrà conseguenze sulla crescita"

Christine Lagarde avverte sulle ripercussioni economiche del conflitto. In riazlo i prezzi del petrolio, il Brent europeo ha superato i 111 dollari al barile

Ucraina, la presidente della Bce Lagarde: "La guerra avrà conseguenze sulla crescita"
Christine Lagarde

globalist

21 Marzo 2022 - 10.01


Preroll

La presidente della Bce Christine Lagarde, in una conferenza dell’Institut Montaigne di Parigi, ha evidenziato le ripercussioni economiche della guerra in Ucraina: “Avrà conseguenze sulla crescita”. Riapre la Borsa di Mosca dopo tre settimane di fermo a seguito dell’invasione dell’Ucraina.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Da stamane vengono trattati solamente i titoli di Stato federali russi mentre resterà ancora fermo il mercato azionario. Le obbligazioni della Russia, secondo quanto riferisce Bloomberg, hanno ripreso le contrattazioni dopo che la banca centrale si è impegnata a comprare debito pubblico per aumentare la liquidità e aiutare a stabilizzare il sistema finanziario. Il rendimento del debito pubblico russo a 10 anni è in calo di 44 punti base all’11,84%.

Middle placement Mobile

Le Borse europee avviano debole la prima seduta della settimana, dopo i recuperi della settimana scorsa L’attenzione degli investitori si concentra sugli effetti della guerra in Ucraina da parte della Russia. Resta alta l’attenzione sull’andamento dei prezzi delle materie prime che incidono sull’andamento dell’inflazione. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è debole a 1,1050 a Londra. Avvio in terreno negativo per Parigi (-0,17%), Francoforte (-0,19%), Londra (+0,02%) e Madrid (+0,3%).

Dynamic 1

La Borsa di Milano apre in lieve calo. Il primo indice Ftse Mib cede lo 0,24% a 24.164 punti. I prezzi del petrolio aprono la settimana in rialzo, inanellando il terzo giorno di scambi all’insegna del segno più. Alle ripercussioni della guerra si aggiungono infatti anche una serie di attacchi agli impianti in Arabia saudita. Con rialzi di oltre il 3%, il Wti è così salito sopra i 118 dollari e il Brent europeo ha superato i 111 dollari al barile. Il prezzo del gas in Europa avvia le contrattazioni in calo. Ad Amsterdam le quotazioni scendono del 2,9% a 102 euro al Mwh.

Intanto gli ordini per le consegne di gas naturale russo in Europa attraverso il collegamento Nord Stream sono in aumento, mentre i flussi attraverso l’Ucraina rimangono stabili. Lo riporta l’agenzia Bloomberg evidenziando come i flussi dal Nord Stream “dovrebbero avere una media di 61 GWh/h”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile