Dopo 50 anni torna “'Il nuovo festival di Re Nudo”
Top

Dopo 50 anni torna “'Il nuovo festival di Re Nudo”

Una seconda edizione che giunge dopo ben mezzo secolo d’attesa. Ecco quando si svolgerà e dove.

Dopo 50 anni torna “'Il nuovo festival di Re Nudo”
La locandina
Preroll

redazione Modifica articolo

20 Giugno 2024 - 00.33 Culture


ATF

Non una riproposizione dello storico festival tenutosi nel ’74 presso il Parco Lambro, ma un evento che ne riprenderà lo spirito. “’Il nuovo festival di Re Nudo” si svolgerà da venerdì 21 a domenica 23 giugno presso la Fabbrica del Vapore di Milano. 

A cinquant’anni dalla prima edizione, che vide protagonisti gruppi iconici come gli Area, la Pfm e gli Stormy Six, il festival di quest’anno offrirà tre giorni di eventi gratuiti con oltre 40 appuntamenti, che dureranno fino alle 5 del mattino. Più di 80 gli artisti indipendenti under 30 che animeranno la manifestazione con musica, video, street art, fotografia, letteratura, poesia, teatro e danza.

Gli ospiti sono stati selezionati attraverso una call to action di quattro mesi che ha raccolto 146 candidature, accettandone 34. Il filo conduttore e tema del festival sarà “Il mondo che vuoi tu”.

“Nella storia i giovani hanno sempre portato ricerca, innovazione e voglia di realizzare utopie – afferma Luca Pollini, direttore del Festival – e non è vero che ‘tutti i tempi sono uguali’ perché la situazione di oggi è senza precedenti: la speranza, e di conseguenza la creatività, per diversi motivi è ridotta al lumicino”. “L’intento delle Notti dell’Underground è quello di spingere verso un ritorno al concreto e a un progressivo abbandono del superfluo, oltre a un rinnovato interesse, da parte non solo delle nuove generazioni, verso tutto ciò che è alternativo”, continua.

Leggi anche:  Elba Book Festival: 10 anni di editoria indipendente, attenzione e cultura democratica

 “Le Notti dell’Underground – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Tommaso Sacchi – sono un ottimo esempio di promozione e valorizzazione della cultura underground, che continua a rappresentare un’importante parte vitale della scena culturale di Milano”.

Native

Articoli correlati