"Io Capitano" e "Chien de la casse" vincitori del Prix Palatine 2024
Top

"Io Capitano" e "Chien de la casse" vincitori del Prix Palatine 2024

Come consuetudine, a votare sono stati gli studenti dei licei italiani e francesi

"Io Capitano" e "Chien de la casse" vincitori del Prix Palatine 2024
Fonte: www.taxidrivers.it
Preroll

redazione Modifica articolo

6 Giugno 2024 - 19.09 Culture


ATF

Sono ‘Io Capitano’ di Garrone e ‘Chien de la casse’ di Durand i vincitori del Prix Palatine 2024, il premio cinematografico unico nel suo genere, per via della giuria composta da soli studenti in Italia e Francia.

Caratteristica comune di entrambi i film il binomio dei protagonisti: i due senegalesi (gli attori Seydou Sarr e Moustapha Fall) con la loro odissea verso l’Europa nel film di Garrone e gli amici Dog e Mirales (gli attori Raphaël Quenard e Anthony Bajon) nel primo lungometraggio di Durand, riguardante le vulnerabilità del mondo maschile.

Il festival si concluderà ufficialmente il 10 luglio a Parigi, con una cerimonia di premiazione all’Istituto italiano di Cultura; inoltre, a Roma, è prevista una speciale proiezione di Prix Palatine 2024: ‘Chien de la Casse’, distribuito da No.Mad Entertainment, è stato programmato per il 16 luglio in occasione della chiusura del festival Nouvelle Vague sul Tevere alla Casa del Cinema.

Il Prix Palatine è co-finanziato dall’Unione Europea ed è realizzato in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Parigi, l’Ambassade de France en Italie, il Consolato Generale d’Italia a Parigi, l’Institut Français Italia, Cinecittà, la Fondazione Nuovi Mecenati, la Ville de Paris, e Unifrance.

Leggi anche:  Al via il 19 luglio il Giffoni Film Festival

Agli studenti delle scuole premiati in occasione del concorso di recensioni sui film selezionati, saranno recapitati viaggi per Roma e Parigi.

Ma ci sono altri premi presenti: in palio ci sono volumi sulla storia del cinema, biglietti d’ingresso per “Cinecittà si Mostra” e per il nuovo Miac, oltre all’attivazione di cinque abbonamenti digitali, sempre per le scuole premiate.

Nell’incontro con gli studenti in Francia, Garrone ha parlato così: “Non cerco mai di dare un messaggio attraverso i miei film. Il mio obiettivo è provocare emozioni, interrogare, sorprendere. Non penso nemmeno di rivolgermi ai leader politici, e non mi aspetto nulla da loro. La mia speranza è in voi giovani”. Presente per l’occasione anche Fofana Amara, il giovane guineano che si è trovato a guidare da solo un barcone di 250 migranti nel mezzo del Mediterraneo e la cui storia ha ispirato il film di Garrone. “Non ho scelto di essere coraggioso. È stata una necessità”.

Durand, invece, ha utilizzato queste parole per rispondere alle diverse domande fatte dalla giuria in Italia: “Faccio cinema per parlare d’amore, ma dico amore in senso largo: che sia tra amici, in una coppia, in famiglia.”

Leggi anche:  Torna CetonaCinema con la II edizione del “Premio Ruggero Maccari”

Ad analizzare le più di cinquanta recensioni da esaminare sono stati il comitato formato da esperte ed esperti delle associazioni Lutetia e Palatine, insieme all’Institut Français. I licei italiani premiati sono stati: il liceo Poerio di Foggia e il liceo Muratori San Carlo di Modena, con menzioni speciali ai licei Galvani di Bologna, Leonardo da Vinci di Casalecchio, Marco Polo di Firenze, Lombardo Radice di Roma e Amaldi di Bitetto. Per la Francia, invece, sono stati premiati i licei Buffon di Parigi e Suger di Saint-Denis, con menzioni speciali per gli istituti Victor-Hugo e Leonardo da Vinci di Parigi.

Native

Articoli correlati