Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli: esempio di grande importanza internazionale
Top

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli: esempio di grande importanza internazionale

Si terrà mercoledì 5 giugno, presso il Santa Chiara Lab, l’iniziativa volta a promuovere sfide e progetti legati tanto alla sostenibilità culturale, quanto alla capacità di inglobare la dimensione del digitale.

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli: esempio di grande importanza internazionale
Sanaa Seif
Preroll

redazione Modifica articolo

1 Giugno 2024 - 12.47 Culture


ATF

di Margherita Degani

“Eventi pubblici come questo, tanto più in un’ottica ampiamente interdisciplinare, ci offrono l’opportunità di comunicare l’impegno del nostro Dipartimento di Eccellenza, ma anche di condividerne lo spirito e gli esiti al di fuori della comunità accademica, a ribadire la logica di una sostenibilità culturale che non può che essere anche sociale”. Sono queste le parole di Enrico Zanini, professore e direttore del Dssbbc, che inaugura così la conferenza intitolata La gestione museale tra piani strategici e gaming: l’esperienza del Mann, Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Lo scopo dell’evento – che si terrà alle 16.00 del 5 giugno, nell’Auditorium Santa Chiara Lab di Siena – consiste dunque nel sostegno ad una visione progettuale e lavorativa che si concentri soprattutto sulla sostenibilità culturale, senza trascurare le potenzialità della sfera digitale. 

Sotto le abilità da moderatrice di  Elisa Bruttini, assegnista di ricerca e docente a contratto del corso di Gestione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico, Paolo Giulierini, precedentemente Direttore del MANN ed ora Conservatore del Museo dell’Accademia Etrusca di Cortona, esordirà trattando l’esperienza di “riconversione” gestionale di un museo statale e prendendo in considerazione i progetti più importanti che sono stati resi attivi. Seguirà l’intervento di Ludovico Solima, docente di Economia e gestione delle imprese all’Università della Campania Luigi Vanvitelli; stavolta, a fare da protagonisti saranno i temi dell’accountability in relazione alla stesura dei piani strategici del museo e dei relativi report. Nè mancherà l’apporto di un game designer quale Fabio Viola, fondatore di TuoMuseo, che renderà noti gli sviluppi della sperimentazione condotta a partire dal videogioco Father&Son, fino a MANNcraft e al nuovo approccio dei musei rispetto alla comunicazione ludico-digitale.

Leggi anche:  Dopo il rinvio del Palio i senesi scrutano il cielo

Al temine degli interventi, tra le ore 18.00 e le 19.00, sarà possibile visitare il FabLab dell’Università di Siena ed osservare da vicino i prototipi del progetto europeo Beaucoup, pensato per la fruizione ludica del patrimonio culturale di persone con disabilità.

L’evento, organizzato in primis dal Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università di Siena, vanta la proficua collaborazione del Santa Chiara Lab, delle Scuole di Specializzazione in Beni Storico Artistici e in Beni Archeologici, del Dottorato in Storia dell’Arte Unisi-Unistrasi, del Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive, del Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici, del Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature. E’ stato inoltre patrocinato da Icom Italia, dalla Regione Toscana, dalla Fondazione Musei Senesi e dall’Ordine degli Architetti di Siena. 

Non solo, la partecipazione attiva offre la possibilità di farsi riconoscere l’Open Badge interdisciplinary thinking e permette, ai soci dell’Ordine degli Architetti, di ottenere 3 crediti formativi professionali. 

Sebbene l’ingresso sia di fatto libero, si consiglia in ogni caso la più sicura prenotazione all’indirizzo: www.eventbrite.com/e/la-gestione-museale-tra-piani-strategici-e-gamification-il-mann-di-napoli-tickets-906019608037?aff=oddtdtcreator.

Native

Articoli correlati