Angelina Mango diventa 'ambasciatrice' per 'Maratea Capitale Italiana della Cultura 2026'
Top

Angelina Mango diventa 'ambasciatrice' per 'Maratea Capitale Italiana della Cultura 2026'

La Basilicata, o più precisamente Maratea, diventa `Capitale Italiana della Musica´, nutrendo la speranza di poter diventare anche `Capitale Italiana della Cultura 2026'

Angelina Mango diventa 'ambasciatrice' per 'Maratea Capitale Italiana della Cultura 2026'
Angelina Mango
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Febbraio 2024 - 12.23


ATF

La cantante Angelina Mango vince la settantaquattresima edizione del Festival di Sanremo con la canzone `La Noia´. La Basilicata, o più precisamente Maratea, diventa `Capitale Italiana della Musica´, nutrendo la speranza di poter diventare anche `Capitale Italiana della Cultura 2026´. «Sono molto felice della vittoria di Angelina Mango al settantaquattresimo Festival della Canzone Italiana di Sanremo – sottolinea il sindaco di Maratea Daniele Stoppelli – Angelina è nata a Maratea, dove non risiede, ma spesso torna a trascorrere le sue vacanze. Nel 2022, un concerto che Angelina ha tenuto al porto di Maratea, ha visto un afflusso di pubblico davvero sbalorditivo, che già anticipava il suo meritato successo”.

«Artista completa ed energica che con la sua interpretazione della `Rondine´ del suo papá Pino – aggiunge il sindaco di Maratea – ha colpito al cuore milioni di italiani e sicuramente la vedremo ancora protagonista nel prossimo futuro. Maratea avrà il piacere e l’onore di conferirle il titolo di ambasciatrice per Maratea 2026 – Città Candidata Capitale Italiana della Cultura. Sono altrettanto contento dell’affermazione di altri due illustri cittadini di Maratea – prosegue il sindaco – Pierpaolo Pretelli e Biagio Maimone. Pretelli ha svolto il ruolo di inviato a Sanremo de `La Vita in diretta´, mentre Maimone ha il merito di aver reso il Festival della Canzone Cristiana di Sanremo un evento di prestigioso livello, che si posiziona sulla scena della musica italiana come fatto artistico e culturale di notevole importanza».

Leggi anche:  Kurt Corbain, il ricordo dell'icona della rivoluzione rock a trent'anni dalla morte

«Maimone è, nel contempo, giornalista, poeta e scrittore – prosegue Stoppelli – Prossimo alla pubblicazione, oltre ad un romanzo, di un testo sulla comunicazione candidato ai piu prestigiosi premi letterari, nel quale affronta le gravi problematiche attuali connesse ad una modalità superficiale ed erronea di comunicare e pone le fondamenta di una nuova pedagogia che dovrà sorreggere la vita dei media. Mi piace affermare che esistono i presupposti di buon auspicio per il riconoscimento di Maratea `Capitale italiana della Cultura 2026´. Maratea appartiene ad un Sud ricco di cultura e di tradizioni, che i suoi cittadini , in modo encomiabile, sono fieri di rappresentare”, conclude.

Native

Articoli correlati