Leonardo Da Vinci: genio rinascimentale e visione scientifica innovativa
Top

Leonardo Da Vinci: genio rinascimentale e visione scientifica innovativa

Fritjof Capra esplora la visione scientifica di Leonardo Da Vinci, evidenziando il suo impatto potenziale sulla storia della scienza.

Leonardo Da Vinci: genio rinascimentale e visione scientifica innovativa
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Febbraio 2024 - 18.08


ATF

“Non possiamo fare a meno di chiederci come si sarebbe potuto sviluppare il sapere occidentale se i quaderni di Leonardo fossero stati studiati dai padri della Rivoluzione scientifica nel XVII secolo. Galileo, Newton e i loro contemporanei – come si deduce chiaramente dai loro carteggi – si arrovellavano su molti di quegli stessi problemi che Leonardo aveva identificato e spesso risolto con uno o due secoli d’anticipo. Inoltre, usavano le sue stesse metafore e ragionavano in modo simile al suo. Perciò avrebbero compreso quei quaderni molto meglio di noi. Se fossero stati a conoscenza delle sue scoperte, senza dubbio l’evoluzione della scienza avrebbe preso una strada molto diversa, e l’influenza di Leonardo sul pensiero scientifico avrebbe potuto essere profonda quanto lo è stato l’impatto sulla storia dell’arte”.

Su Leonardo Da Vinci, forse il più grande pittore e genio del Rinascimento, sono stati scritti centinaia di libri specialistici e divulgativi. La sua opera sconfinata, che si dice comprenda più di 100.000 disegni e più di 6.000 pagine e appunti, e la molteplicità dei suoi interessi hanno attratto innumerevoli studiosi di discipline diversissime. Eppure, sorprendentemente, sono pochi i libri dedicati alla scienza di Leonardo… Il grande teorico dei sistemi e autore del Tao della fisica Fritjof Capra riunisce ora, in un unico volume, i saggi da lui realizzati su Leonardo da Vinci presentandoli in una nuova edizione che offrirà uno sguardo innovativo sulle opere dell’artista toscano. 

Leggi anche:  L'importanza delle parole nel plasmare la nostra realtà e il nostro futuro

Partendo dagli scritti di botanica – dimostrando come dietro la rappresentazione di ogni pianta ci fosse uno studio attento e rigoroso – e passando per la fluidodinamica, l’anatomia e l’embriologia, Capra ci spiega perché Leonardo può essere considerato un pensatore sistemico, ossia un uomo con un’eccezionale capacità di connettere fra loro osservazioni e saperi di discipline diverse. Non solo. Lo studio di Capra ci rivela che Leonardo può essere ritenuto anche un ecologista, un teorico della complessità, di fatto l’autentico inventore del moderno metodo sperimentale, un uomo con un profondo rispetto per la vita in ogni sua espressione che aveva un forte desiderio di operare per il bene dell’umanità. 

Per dipingere le forme viventi della natura, Leonardo sentiva di aver bisogno di una comprensione scientifica delle loro qualità intrinseche e dei principi sottostanti; e per analizzare i risultati delle sue osservazioni, aveva bisogno della sua abilità artistica per rappresentarli. È questa, per Capra, l’essenza della sintesi tra scienza e arte del grande genio di Leonardo. 

Leggi anche:  Kurt Cobain, più pesante del cielo

“In questo libro – spiega l’autore – ho esaminato oltre cento scoperte scientifiche compiute da Leonardo da Vinci nel XV e nel XVI secolo. Presento anche un elenco di una cinquantina delle sue grandi scoperte in ordine cronologico e, accanto a esse, un’indicazione dei secoli in cui furono riscoperte da altri scienziati. Questo riassunto grafico serve a ricordarci in maniera immediata la portata impressionante del suo genio anticipatore in tantissimi campi scientifici”.

L’opera è arricchita da un corredo iconografico di grande valore composto, tra le altre, da bellissime immagini provenienti dai più importanti musei del mondo – dal Louvre alla galleria degli Uffizi –, che evidenziano la visione scientifica alla base di ogni illustrazione realizzata da Leonardo. 

Fritjof Capra, fisico e teorico dei sistemi di fama internazionale, è autore di libri importanti e molto celebrati, tra cui Il Tao della fisica (Adelphi, 1982). Per Aboca Edizioni ha pubblicato: Crescita qualitativa (con Hazel Henderson, 2013), Vita e Natura. Una visione sistemica (con Pier Luigi Luisi, 2014), Ecologia del diritto (con Ugo Mattei, 2018), Agricoltura e cambiamento climatico (con Anna Lappé, 2015), Leonardo e la botanica (2018), Discorso sulle erbe (con Stefano Mancuso, 2019) e Le relazioni della vita.  I percorsi del pensiero sistemico (2022).

Leggi anche:  Kurt Cobain, più pesante del cielo

Saggi, Arte Storia Natura – Formato cm. 15×22,5 – Pagine 704 – ISBN 9788855232449 euro 60,00

ABOCA EDIZIONI 

Native

Articoli correlati