“Come una grande famiglia” di Luciano Bianciardi ora in libreria
Top

“Come una grande famiglia” di Luciano Bianciardi ora in libreria

A quasi due anni dalla sua scoperta, la casa editrice Ex Cogita dà alle stampe l’unico Radiodramma di Bianciardi, risalente al ’66

“Come una grande famiglia” di Luciano Bianciardi ora in libreria
Preroll

redazione Modifica articolo

4 Gennaio 2024 - 22.43 Culture


ATF

Nel 2022, incredibilmente nello stesso anno del centenario della nascita di Luciano Bianciardi, viene riportato alla luce il dattiloscritto dell’unico esempio di Radiodramma da lui realizzato nel 1965, in collaborazione con Enrico Vaime. Andato in onda per la prima volta il 18 gennaio 1966 sulla Rai, contava tra gli interpreti Franca Valeri e Tino Scotti, guidati dalla regia di Filippo Crivelli.

Sembra che si sia giunti a questo ritrovamento grazie a due progetti paralleli: quello degli studiosi Sacchettini e Turi – nel contesto del loro lavoro sui radiodrammi all’interno degli archivi Rai- e quello della Fondazione Bianciardi, riguardante lo stessa tema. Il testo in questione, infatti, sembra essere emerso proprio dalle carte dell’epistolario, in cui era rimasto a lungo nascosto.

E’ così che, attraverso il contributo del Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario di Bianciardi e della Fondazione Bianciardi di Grosseto, la casa editrice Ex Cogita ha potuto dedicarsi alla pubblicazione del Radiodramma nella collana dei “Quaderni della Fondazione Bianciardi”. Il testo è stato poi curato da Federica Albani, studiosa e redattrice di Ex Cogita, da Lucia Matergi, direttrice scientifica della Fondazione Bianciardi, da Rodolfo Sacchettini e Nicola Turi, docenti dell’Ateneo di Firenze.

Leggi anche:  Al via la seconda edizione di "Capolavori della letteratura"

Caratterizzato da una certa ampiezza, il dattiloscritto presenta alcuni dei tratti più tipici dell’autore grossetano, sia dal punto di vista tematico che da quello scritturale. Fonde l’occhio sociologico di Bianciardi allo spirito di Vaime, restituendoci il ritratto – a momenti anche sarcastico- di un preciso momento storico. Per chi avesse la curiosità di confrontarsi con un genere che ormai nemmeno più esiste, è possibile ascoltare questa produzione sulla piattaforma Rai play.

Native

Articoli correlati