Cresce l'interesse per i finanziamenti alla lettura
Top

Cresce l'interesse per i finanziamenti alla lettura

Il presidente della VII Commissione Cultura della Camera dei deputati, Federico Mollicone, ha annunciato l'impegno ad aumentare le risorse dei bandi di finanziamento per la promozione della lettura.

Cresce l'interesse per i finanziamenti alla lettura
Preroll

redazione Modifica articolo

21 Novembre 2023 - 15.54 Culture


ATF

Il Centro per il libro e la lettura, istituto autonomo del Ministero della Cultura, ha presentato oggi la sua Relazione sullo stato di attuazione del Piano nazionale d’azione per la promozione della lettura (Legge 15/2020), per il biennio 2021-2022.

Dalla relazione emerge che l’interesse per i finanziamenti di attività che hanno al centro i libri e la lettura è in continua crescita.

Nel 2022, a fronte di 8,52 milioni di euro messi a disposizione dal fondo per bandi di finanziamento, sono state presentate 521 domande, registrando cosi un aumento del 31,6% rispetto al 2021. I bandi che hanno avuto la maggior partecipazione nel 2022 sono stati: “Ad alta voce” (+84 domande rispetto al 2021) e “Città che legge” (+43).

“Il delta di crescita dei bandi è più di dieci volte quello delle domande finanziate. L’impegno che tenterò è quello di aumentare le risorse di questi bandi. Il sistema ha funzionato. Questo report lo dimostra ed è importante. Lo stesso sistema finanziato 10 volte diventerebbe un volano incredibile. Non sarà facile ma la direzione è questa”, ha sottolineato il presidente Mollicone.

Leggi anche:  'Non mi mancano le parole': a Giffoni, un salto nella modernità pedagogica

Il bando “Traduzioni”, che ha assegnato complessivamente nel biennio 800 mila euro per la traduzione di 300 opere italiane tradotte in lingua straniera, ha registrato, invece, un aumento delle domande del 20% rispetto al 2021. Le regioni che hanno visto finanziato il più alto numero di istanze nel 2022 sono risultate Puglia, Lazio, Lombardia e Piemonte. Le regioni che hanno presentato più istanze nel 2022 sono ancora una volta Puglia e Lazio, alle quali si aggiunge anche la Campania.

Nel 2022, oltre i tre quarti del totale dei soggetti che hanno dimostrato interesse per i bandi di finanziamento e gli avvisi pubblicati dal Centro sono risultati Comuni o Enti locali (77,3%), seguiti da soggetti No Profit (19,4%) e da soggetti privati (3,3%).

“L’analisi ha messo a fuoco il successo della strategia di rete che ha visto aumentare esponenzialmente i soggetti coinvolti nella progettualità, confermando la bontà del Piano d’azione nazionale per la promozione della lettura introdotto dalla recente Legge 15 del 2020” ha spiegato il presidente del Cepell, Marino Sinibaldi.

Leggi anche:  'Non mi mancano le parole': a Giffoni, un salto nella modernità pedagogica

L’ex direttore del Cepell, Angelo Piero Cappello, ha invece affermato: “Questa legge del Libro e della Lettura è stata insieme alla sua applicazione, il Piano Nazionale d’Azione, una sorta di trampolino lanciato per il Centro per il Libro e la Lettura”.

I dati presentati dal Centro per il libro e la lettura confermano dunque l’interesse crescente, in Italia, per tale attività. Il Piano nazionale d’azione per la promozione della lettura, introdotto dalla Legge 15/2020, ha contribuito a questo successo, favorendo la nascita di nuove reti territoriali e l’aumento della partecipazione di soggetti pubblici e privati. Ma, per continuare a promuovere la lettura nel nostro Paese, è necessario investire ulteriormente in questo settore, aumentando le risorse a disposizione dei bandi di finanziamento e favorendo la diffusione della cultura del libro e della lettura nelle scuole e nelle comunità.

Native

Articoli correlati