A Roma e Bologna Martin Scorsese ripercorrerà le sue creazioni filmografiche
Top

A Roma e Bologna Martin Scorsese ripercorrerà le sue creazioni filmografiche

Dalla Cineteca di Bologna è arrivato il lascia passare per il regista. Presenti anche pellicole di altri autori

A Roma e Bologna Martin Scorsese ripercorrerà le sue creazioni filmografiche
Gli 80 anni di Martin Scorsese
Preroll

redazione Modifica articolo

29 Aprile 2023 - 23.08 Culture


ATF

Martin Scorsese ripercorrerà tutta la sua vita cinematografica: a dare totale carta bianca al regista per la retrospettiva è stata la Cineteca di Bologna, assieme alla Casa del cinema di Roma e con l’appoggio del Gruppo Hera. Oltre ai suoi capolavori, saranno presenti anche pellicole di registi scelti direttamente da Scorsese.

Dal 29 maggio, la retrospettiva sarà alla Casa del cinema di Roma, mentre il tutto avrà effettivamente inizio il 1° giugno al Cinema Lumière della Cineteca di Bologna: qui si avrà la prima coppia di pellicole, con Prima della rivoluzione di Bernardo Bertolucci insieme a Mean Streets.

Nella giornata successiva saranno disponibili “Cape Fear” e “La morte corre sul fiume” di Charles Laughton; il 3 giugno a “Il colore dei soldi” sarà abbinato “Il sorpasso” di Dino Risi, domenica 4 giugno “Ombre” di John Cassavetes verrà affiancato a “Chi sta bussando alla mia porta?”, mentre il 7 giugno si avranno “Quei bravi ragazzi” e “Colpo grosso” di Lewis Milestone.

Leggi anche:  Addio a Donald Sutherland, gigante del cinema

L’iniziativa continuerà in autunno, quando Scorsese dovrebbe volare a Cannes per “Killers of the Flower Moon”, che vedrà come protagonista Leonardo Di Caprio, assieme a Lily Gladstone, Jesse Plemons e Robert De Niro. La pellicola verrà trasmessa in anteprima mondiale il 20 maggio, mentre in Italia arriverà in sala solo il 19 ottobre con 01; un film che tende a sostenere il cinema a tutto tondo, con la Film Foundation che si schiera in prima linea sia per la conservazione del patrimonio cinematografico, sia per le sale, promuovendo le attività e contribuendo economicamente.

Ancora una volta, Martin Scorsese, pensa alla salvaguardia dei cinema, dopo il caso “America” a Roma: secondo quanto riportato dai media francesi, il regista americano sta sostenendo il Cinema d’essai parigino La Clef, affinché continui a vivere. La Clef è nel bel mezzo di una battaglia che dura da 5 anni, poiché il gruppo bancario proprietario dell’edificio ha cercato di venderlo.

Adesso il gruppo “La Clef Revival Collective”, i cui membri hanno occupato la sede per due anni e mezzo, hanno finalmente annunciato di essere arrivati ad un accordo per fare proprio il sito. Il sito della “Libération” ha pubblicato le parole che Scorsese ha scritto in una lettera aperta: “La Clef deve rimanere un cinema”.

Native

Articoli correlati