'Kurios - Cabinet of Curiositis': il Cirque du Soleil presenta la sua camera dello stupore
Top

'Kurios - Cabinet of Curiositis': il Cirque du Soleil presenta la sua camera dello stupore

La compagnia teatrale, fondata in Canada nel 1984, è sempre più apprezzata negli ultimi anni per l'assenza di animali nei suoi spettacoli.

'Kurios - Cabinet of Curiositis': il Cirque du Soleil presenta la sua camera dello stupore
Kurios - Cabinet of Curiosities
Preroll

redazione Modifica articolo

24 Marzo 2023 - 19.21 Culture


ATF

È un mondo figlio del surreale e dell’onirico, fatto di creature che sono frutto dell’immaginazione e della creatività, quello che inscena l’ultimo spettacolo del Cirque du Soleil, “Kurios – Cabinet of Curiosities”. Il rimando è proprio alle ‘camera dello stupore’, luoghi antesignani dei musei che raccoglievano cimeli e opere d’arte dalle tinte misteriose. Illusioni, personaggi straordinari ma anche poesia e dolcezza si fondono in scenari magici per dar vita a un mondo dove i sogni si materializzano.

La prima italiana della 35esima produzione della compagnia canadese, nata nel 1984, si è tenuta a Roma martedì sera, continuando a incantare gli oltre 220 milioni di fans che conta in tutto il mondo. Lo spettacolo, presentato dai partner italiani Show Bees e Vivo Concerti, si avvale di un team creativo diretto da Guy Laliberté e Jean-François Bouchard e di un cast con 49 artisti provenienti da 17 paesi differenti. La storia si svolge nella camera delle meraviglie di un Cercatore, personaggio che crede nell’esistenza di un mondo invisibile dove albergano le idee più folli e i sogni più grandiosi.

Leggi anche:  Torna dopo 12 anni la magia dell'Anfiteatro di Ancona

Tutto ha luogo in un universo temporalmente riconducibile all’inizio della rivoluzione industriale del XIX secolo, un mondo dalle tinte steampunk in cui il motore a vapore ha un ruolo cardine e la tecnologia dell’epoca assume connotati ed evoluzioni bizzarre. “È come se Jules Verne incontrasse Thomas Edison in una realtà alternativa, fuori dal tempo”, spiega lo scenografo Stéphane Roy. Oltre al Cercatore esistono poi i Curiosistani, che pungolano la sua fantasia, e Nico, l’uomo fisarmonica, simpatico tuttofare. E ancora Klara, capace di ricevere onde alfa con la sua “gonna antenna”, o ancora Kurios Winch e Kurios Plunger, robot costruiti con materiali di scarto dallo tesso Cercatore.

Lo show vede susseguirsi incredibili numeri, come un direttore circense che dirige un circo in miniatura dagli artisti invisibili e creature sottomarine che rimbalzano su di una rete posta a copertura del palco, fino a un grande e magnifico finale.

Native

Articoli correlati