Top

Difesa e valorizzazione dei diritti umani all’UniPd

Una giornata dedicata a Paulo Pinto de Albuquerque, uno dei più autorevoli e ascoltati esperti di diritto internazionale dei diritti dell’uomo

Difesa e valorizzazione dei diritti umani all’UniPd

Redazione Modifica articolo

29 Novembre 2022 - 23.13 Culture


Preroll

di Azzurra Arlotto e Giuseppe Rizza

OutStream Desktop
Top right Mobile

Martedì 29 novembre il corso di laurea magistrale in “Human Rights and Multi-Level Governance” dell’Università di Padova organizza una cerimonia per celebrare il giudice Paulo Pinto de Albuquerque per aver contribuito alla difesa e alla valorizzazione dei diritti umani nel corso degli anni.

Middle placement Mobile

In particolare Paulo Pinto de Albuquerque ha lavorato presso la Corte europea dei diritti dell’uomo dal 2011 al 2020 e per ricoprire questa carica è stato eletto a maggioranza assoluta e al primo turno delle votazioni. Ha fatto parte del collegio decidente di numerosi tra i più significativi casi di cui si è occupata la Corte di Strasburgo, in passato è stato avvocato e giudice nazionale portoghese, esercitando sia la giurisdizione civile che quella penale e al momento è professore di materie penalistiche della Universidade Católica Portuguesa a Lisbona. Accanto alle sue prestigiose esperienze istituzionali e accademiche sia in patria che all’estero, Pinto de Albuquerque vanta una ricca produzione scientifica che si compone di 20 monografie pubblicate e tradotte in varie lingue e di decine di articoli di rilievo.

Dynamic 1

Nel corso del tempo, Pinto de Albuquerque ha stretto significativi legami con varie università italiane e con le massime istituzioni giudiziarie del nostro Paese. La celebrazione di questo martedì all’Università di Padova ne è un esempio. Ad aprire la giornata d’incontro saranno i saluti della rettrice d’ateneo Daniela Mapelli, del prefetto della Provincia di Padova Raffaele Grassi, della presidente del corso di laurea magistrale in Human Rights and Multi-Level Governance Sara Pennicino, e del direttore dell’Osservatorio lavoro e giustizia sociale globale Lorenzo Mechi. Dopo un’introduzione a cura di Guido Raimondi, presidente della sezione Lavoro della Corte di Cassazione e già presidente della Corte europea dei diritti dell’Uomo. durante l’evento celebrativo del 29 novembre, il professore Paulo Pinto de Albuquerque terrà un intervento di apertura. A seguito dell’intervento del giudice Paulo Pinto de Albuquerque, l’incontro proseguirà con una tavola rotonda su “Il lavoro minorile e lo sfruttamento del lavoro in Italia e in Europa”, moderata da Andrea Sitzia dell’ateneo padovano. A concludere l’evento sarà la consegna del premio a Paulo Pinto de Albuquerque “Award of the 2022 HRG Prize for the Contribution to the Defense and Advancement of Human Rights and the Rule of Law“.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile