Top

La direttrice dell'Unesco: "Giusto interrogarsi sulle statue, ma le decisioni devono essere democratiche"

Audrey Azoulay sulle azioni contro i simboli del razzismo: "Che le scelte siano collettive e condivise. Altrimenti si rischia di contrapporre alla violenza un'altra violenza".

La statua di Cristoforo Colombo
La statua di Cristoforo Colombo

globalist

22 Giugno 2020 - 15.21


Preroll

Sì alla rimozione di statue che esaltano figure protagoniste di fatti condannati dalla storia. Ma non con questi metodi.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Credo che sia molto giusto interrogarsi su chi abbiamo deciso di celebrare nel corso della nostra Storia, e perché. Dopo l’assassinio di George Floyd abbiamo bisogno di dare un senso. I simboli sono lì, non li vediamo neanche più ma nei momenti più inaspettati tornano in primo piano”.

Middle placement Mobile

A intervenire così nel dibattito sui monumenti innescato dal movimento Black Lives Matter, con l’abbattimento di diverse statue, è Audrey Azoulay, direttrice generale dell’Unesco, in una intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera, dove aggiunge che “il dibattito è legittimo, ma io preferisco che le scelte siano collettive, democratiche, condivise, non affidate agli atti dei militanti, che pure hanno sempre accompagnato le lotte sociali. Altrimenti si rischia di contrapporre alla violenza un’altra violenza”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage