Ciak in Piemonte per "Il sogno del califfo" storia vera del '700 sull'Islam
Top

Ciak in Piemonte per "Il sogno del califfo" storia vera del '700 sull'Islam

Ne sono interpreti Rodolfo Sancho, Carolina Crescentini, Massimo Ghini, Marco Bocci, Marisa Paredès, con la partecipazione di Giancarlo Giannini.

Una scena del film
Una scena del film
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Marzo 2017 - 15.35


ATF

Tratto da una storia vera, il film narra la storia d’amore tra Domingo Badia, ufficiale dell’esercito spagnolo che, a fine ‘700, viene inviato in Marocco come agente segreto per rovesciare il sultanato locale, e Lady Hester Stanhope, nipote del primo ministro inglese William Pitt. Ma anche – e qui sta l’attualità della storia – la contrapposizione tra Islam moderato e islam più estremo. Attraverso le terre e le storie di Spagna, Inghilterra, Francia, Marocco, Siria.

Le residenze reali piemontesi – dalla Reggia di Venaria alla Palazzina di Caccia di Stupinigi e a Palazzo Reale – hanno fatto da set per il film storico ‘Il sogno del califfo’ del regista marocchino Souheil Benbarka, le cui riprese a Torino finiscono domani. Ne sono interpreti Rodolfo Sancho, Carolina Crescentini, Massimo Ghini, Marco Bocci, Marisa Paredès, con la partecipazione di Giancarlo Giannini. Prodotto da Flat Parioli e Jal’s Production, le riprese sono durate in tutto 11 settimane, di cui 9 in Marocco e 2 in Italia.

Leggi anche:  Cinema e impegno civile alla Settimana Internazionale della Critica

Native

Articoli correlati