Israele: il racconto di una settimana esemplare di un "governo criminale"
Top

Israele: il racconto di una settimana esemplare di un "governo criminale"

Per equilibrio, rapporti, indipendenza e profondità di giudizio, Yossi Verter è, giustamente, considerato tra i più autorevoli analisti politici israeliani. 

Israele: il racconto di una settimana esemplare di un "governo criminale"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

2 Luglio 2024 - 16.31


ATF

Per equilibrio, rapporti, indipendenza e profondità di giudizio, Yossi Verter è, giustamente, considerato tra i più autorevoli analisti politici israeliani. 

Una settimana “esemplare”

Così su Haaretz racconta la settimana bollente di un governo di criminali, definizione sua.

“Questa è stata una settimana in cui il ministro della Difesa e il primo ministro si sono scambiati battute – il primo lo ha fatto fuori dalla Casa Bianca e il secondo dal suo ufficio di Gerusalemme – e in un momento in cui stanno gestendo la guerra più lunga e più dura mai combattuta da Israele. Naturalmente sorge spontanea la domanda, un po’ logora, “Siamo impazziti? È stata anche la settimana in cui la moglie del primo ministro ha condiviso con le famiglie degli ostaggi, che da 266 giorni vivono in un inferno in terra, i suoi deliri su un “colpo di Stato militare” che i capi dell’esercito starebbero tramando contro il marito (affermazione che il figlio viziato Yair, che naviga tra Miami e il Guatemala, riecheggia sistematicamente).

Non fraintendetemi, non si tratta della paranoia privata della signora: Questa è la conversazione che si svolge a Cesarea, in via Azza a Gerusalemme e nel bunker di un generoso miliardario della capitale. I loro cervelli ronzano di folli teorie cospirative scollegate dalla realtà.

È stata anche la settimana in cui un gruppo di rabbini anziani, sia ashkenaziti che sefarditi, e non quelli della marginale fazione di Gerusalemme, ma i leader di due partiti della coalizione, hanno chiesto che decine di migliaia di giovani sani continuassero a sottrarsi al servizio militare e a osservare le mitzvot del parassitismo e dell’estorsione economica. Il primo ministro si è schierato con loro e contro l’Alta Corte di Giustizia.

Questa “leadership spirituale” ha annunciato questa settimana che non solo gli studenti della yeshiva non si arruoleranno, ma nemmeno quelli che abbandonano la yeshiva. Perché? È così che Dio vuole. E noi ci chiediamo disperati: dove sta andando questo Paese? Cosa ne rimarrà se questa banda rimarrà al potere? Questa settimana, i rabbini hanno intrapreso una campagna nella comunità santa di New York dove, di fronte a migliaia di fedeli, hanno attaccato l’Alta Corte e le “autorità” malvagie in Israele che si sono sollevate contro l’apprendimento della Torah. Il Primo Ministro e i suoi seguaci non hanno detto una parola. Ma Ehud Barak, Tamir Pardo, David Grossman, Talia Sasson e altri hanno scritto un op-ed congiunto sul New York Times per dire che Netanyahu non parlerà a loro nome quando si rivolgerà al Congresso il mese prossimo, e hanno chiesto ai funzionari eletti degli Stati Uniti di cancellare l’invito. Per questo, sono stati denunciati come traditori e “ebrei vergognosi” dai media bibiisti. Tra l’altro, la maggior parte dell’opinione pubblica è d’accordo con le dure affermazioni dell’articolo. Lo si vede in ogni sondaggio.

La decisione (“sconcertante”, secondo Netanyahu) dei nove giudici dell’Alta Corte, sia conservatori che liberali, ha stabilito all’unanimità che la legge deve essere mantenuta. E in assenza di una legge sulla coscrizione, gli Haredim devono essere arruolati. E che quando il gabinetto ha approvato una decisione che impediva al procuratore generale di occuparsi di queste questioni, non ha agito secondo la legge.

Leggi anche:  Lettera da Israele: "Nessuno ti prepara a essere madre in tempo di guerra"

L’Alta Corte, tra l’altro, è stata un obiettivo secondario per la macchina del veleno bibiista questa settimana. Dopo la sentenza, le campagne contro il procuratore generale Gali Baharav-Miara hanno raggiunto livelli febbrili. Ma lei svolgerà, con la sua asciutta integrità, il suo ruolo legalmente previsto – un ruolo che è stato sottolineato come tale anche dai giudici. Baharav-Miara, insieme all’Alta Corte, costituiscono l’unica barriera alla completa disintegrazione e decadenza, proprio come durante il colpo di Stato giudiziario, che in realtà non si è mai fermato.

Non c’è da stupirsi che Netanyahu, che si comporta come il capo di una banda criminale e si trova a capo di un governo criminale, pensi che tali dichiarazioni siano sconcertanti. Il suo scopo è segnalare agli ultraortodossi che è con loro, che tutto andrà bene. Ma la verità è che ha perso il controllo degli eventi e questo lo fa impazzire. La possibilità che il suo governo cada – o che diventi un governo di minoranza prima che la Knesset vada in pausa il 28 luglio, se gli Haredim si ritirano dalla coalizione – non è più una fantasia. Nei prossimi giorni, migliaia di haredim riceveranno avvisi di leva. Allo stesso tempo, il procuratore generale delineerà l’entità e la portata del denaro e dei benefici che verranno negati alle istituzioni e alle famiglie i cui figli si sottraggono alla leva. Questo sarà un evento che cambierà la realtà. Migliaia di persone diventeranno da un giorno all’altro criminali e migliaia di famiglie subiranno una profonda riduzione del loro reddito. Riusciranno i rabbini e i cosacchi derubati a contenere i danni?

Ad aggravare il problema per Netanyahu e Co. è stata la promessa di Yuli Edelstein, presidente del Comitato per gli Affari Esteri e la Difesa della Knesset, di non approvare una legge sulla coscrizione senza un ampio sostegno da parte della Knesset. Questa posizione, che nel complesso è logica e riflette la realtà parlamentare e di coalizione (anche tra i 64 non c’è una maggioranza per una legge che perpetui l’evasione di leva), è vista da Netanyahu come una cospirazione per rovesciarlo, in coordinamento con il ministro della Difesa. Mentre Edelstein è stato frettolosamente convocato per un rimprovero, è iniziata la campagna contro di lui. Un giullare di corte che funge da portavoce di Netanyahu ha riassunto il tutto in un breve tweet: “L’era di Yuli Edelstein è finita”.

Questa è la situazione: Sara sospetta che il Capo di Stato Maggiore dell’IDF Herzl Halevi e i suoi generali stiano tramando per invadere Cesarea con i carri armati (e distruggere i lavori di ristrutturazione del valore di centinaia di migliaia di shekel, finanziati dallo Stato!), e Bibi sospetta che Gallant e Edelstein stiano tramando per rovesciarlo in un altro modo. Nel frattempo, gli sfortunati ostaggi; i soldati a Gaza; i riservisti che hanno prestato 150-180 giorni di servizio dal 7 ottobre; e le famiglie degli ostaggi e dei caduti in guerra, la cui stragrande maggioranza il Primo Ministro ignora palesemente, stanno a guardare. Questa settimana ha fatto visite di condoglianze, insieme alle sue squadre di documentazione, alle case delle famiglie Smadja e Dery, che hanno perso i loro cari Omer e Saadia.

Leggi anche:  Una buona notizia da Israele: nascono i Democratici

Nel suo elogio funebre per il figlio, il padre Oren Smadja ha detto: “Non ci accontenteremo di nulla di meno di una vittoria completa sugli assassini di Hamas”. Laly Dery, la madre di Saadia, è una nota attivista di destra. Non che questo li conforti nel loro terribile dolore, ma in ogni caso, questo ha fatto guadagnare loro il rispetto e il riconoscimento che il 99% delle famiglie dei caduti dell’IDF non ha ottenuto, e non otterrà, né una visita, né un video, né messaggi di conforto.

Nessun giudice a Gerusalemme

La sua reazione alla lettera di avvertimento della commissione statale d’inchiesta sulle acquisizioni di sottomarini e navi da guerra ha chiarito a tutti coloro che si aggrappavano a false speranze: Benjamin Netanyahu non formerà una commissione statale d’inchiesta per indagare sugli eventi del 7 ottobre, e certamente non su quelli dell’8 ottobre e successivi. Non sarà mai istituita, e certamente non finché lui sarà al potere.

Si poteva essere certi di questa conclusione non sorprendente dopo il rapporto sul disastro di Monte Meron e un semplice dato: nei 17 anni di Netanyahu al potere, non è mai stata istituita una commissione d’inchiesta statale perché, secondo lui, non ne sarebbe mai uscito nulla di buono. Ma il chiodo finale nella bara di qualsiasi futura commissione è stato piantato questa settimana con la sua brutta e cinica risposta alla “loro” commissione (cioè quella del governo precedente), definendola nient’altro che uno strumento politico utilizzato dai suoi avversari.

Così, dalla sua bocca diffamatoria, ha infangato il presidente della commissione, il presidente della Corte Suprema in pensione Asher Grunis, e i quattro membri della commissione, parlando in modo mendace per pervertire la giustizia. Quanto è facile per lui screditare persone oneste e ben intenzionate. Quanto è naturale per lui commettere assassinii di carattere e calunnie contro chiunque non gli piaccia. Non siamo davvero sorpresi ogni volta che accade, ma forse lo siamo solo un po’. Non c’è persona onesta in questo Paese che sia stata risparmiata dalle sue calunnie.

Grunis è uno dei giudici più conservatori. Più di dieci anni fa, la coalizione di Netanyahu (guidata da due uomini di estrema destra, Uri Ariel e Yaakov Katz) ha fatto cambiare la legge in modo che Grunis potesse essere nominato presidente della Corte Suprema. Solo poche settimane fa è stato nominato capo della commissione per le nomine governative di alto livello, dopo che altri candidati erano stati respinti. Quindi, se Grunis non va bene, chi potrebbe essere disposto ad accettare l’incarico di presidente di una commissione che indaghi sui fallimenti di Netanyahu? Esther Hayut? Aharon Barak? Dorit Beinisch? Netanyahu sta accarezzando l’idea di istituire una commissione d’inchiesta governativa, basandosi sul precedente della Commissione Winograd per indagare sulla Seconda Guerra del Libano, istituita dall’allora Primo Ministro Ehud Olmert. Il problema è che Eliahu Winograd, che era presidente della Corte distrettuale di Tel Aviv, aveva la reputazione nella comunità legale di essere meticoloso, rigido e severo. Tale era il rapporto che usciva dalla sua commissione.

Leggi anche:  Gaza, nuova strage di civili palestinesi durante i raid di Israele: 16 morti e decine di feriti

Il padre di tutti i fallimenti non nominerebbe mai un giudice del genere. Cercherà qualcuno come il giudice in pensione Moshe Drori – un bibiista con una storia di sentenze dubbie, amato dal governo, che ha già ricoperto il ruolo di presidente della commissione che ha esaminato l’affare dello spyware della polizia e ha guidato la commissione di selezione per l’ente pubblico di radiodiffusione.

Alcune settimane fa, l’Ufficio del Primo Ministro ha lanciato un pallone di prova nell’atmosfera mediatica: Netanyahu chiederà al presidente Isaac Herzog di nominare una commissione “per consenso”. Herzog ha respinto con rabbia l’idea. Si è sentito come i residenti della città sudcoreana di Seul che si sono svegliati al mattino trovando per le strade della loro città palloncini pieni di rifiuti e pannolini usati, inviati dall’ostile vicino del nord.

Ciò che dovrebbe davvero preoccuparci è che la paura di Netanyahu di raggiungere il suddetto bivio lo porterà a prolungare indefinitamente la guerra di Gaza. “Tutti dovranno rispondere a domande difficili. Anch’io. Ma questo avverrà solo dopo la guerra, solo dopo Hamas”, dice. Una commissione d’inchiesta? Dopo la guerra. Proteste? Dopo la guerra. Parlare di elezioni? Dopo la guerra. Testimoniare nel suo processo penale? Dopo la guerra. Il giorno verrà, ma non tanto presto. È un bene che ci sia una guerra in corso. Se i giudici del suo processo penale accetteranno la sua scandalosa richiesta di rinviare la causa della difesa a un periodo compreso tra il marzo 2025 e mai, dimostreranno definitivamente che l’imputato beneficia della “legge francese” senza averla promulgata. Il suo processo sta procedendo (in sua assenza) in modo a dir poco sconcertante e circense.

Come il suo processo, la guerra continuerà con intensità variabile per anni. Hamas non scomparirà e chissà cosa potrà accadere nel nord del Paese. Netanyahu vi si è recato mercoledì e ha postato un video in cui affermava con orgoglio: “Anche qui otterremo la vittoria, niente di meno che questo”. “Anche?” Dove altro ha vinto? Il 7 ottobre? Ha sconfitto Hamas a Gaza? Ha sconfitto l’Iran? Ha fermato la sua corsa al nucleare?

Il nord è arido, deserto. Metula, una delle più belle città del Paese, è distrutta e lui si vanta ancora della “vittoria”. Il suo interesse a trascinare le guerre è trasparente come l’acqua della sua piscina appena rinnovata a Cesarea. Pertanto, come nel caso del disastro del Monte Meron e della vicenda del sottomarino, dovremo aspettare il prossimo governo di cambiamento/riabilitazione per fare giustizia. Il giorno arriverà, anche se in ritardo”.

(prima parte, continua)

Native

Articoli correlati