Israele deve giudeizzare la Cisgiordania occupata: il disegno dei fanatici di Eretz Israel
Top

Israele deve giudeizzare la Cisgiordania occupata: il disegno dei fanatici di Eretz Israel

In attesa della guerra con Hezbollah, il governo più disastroso e destrorso nella storia d’Israele procede speditamente nella realizzazione del disegno coltivato e praticato ben prima del 7 ottobre: giudeizzare la Cisgiordania

Israele deve giudeizzare la Cisgiordania occupata: il disegno dei fanatici di Eretz Israel
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

24 Giugno 2024 - 20.09


ATF

Gaza è un sanguinoso, devastante. Diversivo. In attesa della guerra con Hezbollah, il governo più disastroso e destrorso nella storia d’Israele procede speditamente nella realizzazione del disegno coltivato e praticato ben prima del 7 ottobre: giudeizzare la Cisgiordania. La pulizia etnica che si fa regime. Oltre l’apartheid.

Obiettivo dichiarato

Così un editoriale di Haaretz: “Un discorso registrato del presidente del Sionismo religioso Bezalel Smotrich è stato riportato venerdì dal New York Times, rivelando un grande piano del leader dei coloni e del suo partner politico, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, per cambiare il DNA di Israele.

Nel suo discorso, Smotrich ha ammesso che il governo sta annettendo la Cisgiordania all’insaputa del mondo e sta usando l’esercito per nascondere le sue azioni. Smotrich, ministro delle Finanze, è anche ministro del Ministero della Difesa, responsabile dell’Amministrazione civile in Cisgiordania. In quest’ultima posizione, lavora attivamente per conto dell’impresa di insediamento

La settimana scorsa, durante una conferenza tenutasi in Cisgiordania, ha raccontato ai suoi ascoltatori i progressi compiuti nel trasferire il controllo della Cisgiordania dall’esercito al governo, cioè a lui. Ha detto che i cambiamenti finora apportati sono “mega-drammatici”, del tipo che “cambiano il DNA di un sistema”. Ha anche rivelato i trucchi che sta usando nel suo piano di annessione della Cisgiordania. “Abbiamo creato un sistema civile separato”, ha detto. Ma per evitare critiche internazionali, il governo ha mantenuto il Ministero della Difesa coinvolto nel processo, facendo credere che l’esercito sia ancora l’attore principale nel governo della Cisgiordania. “Sarà più facile da digerire nel contesto internazionale e legale”, ha spiegato. “Così non si dirà che stiamo facendo un’annessione”.

In altre citazioni del discorso che non sono state incluse nel rapporto del Times, ha rivelato il metodo. “Non abbiamo inventato la ruota”, ha detto. “In Israele è sempre stato così. Prendi un contadino, 1.000 capi di bestiame, un investimento minimo, e lui protegge 40.000 dunam per te”. A suo avviso, “nel giro di pochi mesi ci sarà un modello che ci permetterà di legalizzare la stragrande maggioranza delle aziende agricole, il che aprirà la porta agli investimenti e all’organizzazione delle infrastrutture”.

Non bisogna illudersi che la destra dei coloni lavori alle spalle di Netanyahu, che è un discepolo dello status quo. Secondo Smotrich, dal momento in cui il primo ministro ha capito cosa stava accadendo, è stato “con noi fino in fondo”. Netanyahu e i coloni sono una cosa sola.

Leggi anche:  Israele: come combattere la strategia della negazione

Smotrich sta attualmente eliminando le barriere legali che impediscono di cambiare la situazione civile in Cisgiordania. Ha aggiunto personale e ha nominato un suo vicecapo dell’Amministrazione civile con piena autorità su un gran numero di questioni, dalla pianificazione all’applicazione. L’unica persona che potrebbe intervenire nel suo lavoro è il capo di stato maggiore delle Forze di Difesa israeliane.

Secondo Smotrich, la polizia non proteggerà l’ordine pubblico e certamente non proteggerà i palestinesi. Ha aggiunto che l’applicazione della legge ha determinati obiettivi e in Cisgiordania “si dà peso a un unico grande scopo che è in definitiva – cosa si può fare? – geopolitico, strategico e di sicurezza”.

Netanyahu, Smotrich e i loro colleghi stanno annettendo la Cisgiordania proprio ora. Stanno istituendo l’apartheid e distruggendo la soluzione dei due Stati. E se ci riusciranno, Israele cesserà di esistere come Paese democratico”.

Leggere attentamente

Arie Pellman è stato vicedirettore del servizio di sicurezza Shin Bet e attualmente è membro di Commanders for Israel’s Security. Non è un pacifista, ma non le manda a dire. E inchioda l’avventurismo colonizzatore della destra messianica e ultranazionalista

Scrive Pellman: “I recenti attacchi terroristici in Cisgiordania suscitano genuini sentimenti di solidarietà con le vittime, i feriti e le loro famiglie. Questo dolore, tuttavia, non deve far passare in secondo piano il quadro più ampio.

Il terrore palestinese e il terrore ebraico lo dicono chiaramente: l’insediamento ebraico illegale nel cuore di una popolazione palestinese, sotto forma di oltre 100 avamposti non autorizzati, crea un pericolo chiaro e attuale per la sicurezza personale dei coloni – ma non solo per loro. Mina anche gli interessi e la sicurezza nazionale di Israele.

Innanzitutto, i fatti. Attualmente in Cisgiordania vivono più di mezzo milione di israeliani e circa tre milioni di palestinesi. Si tratta di sei palestinesi per ogni israeliano. Inoltre, la maggior parte della popolazione palestinese vive lungo la Strada 60, un’arteria principale che porta da Hebron a Jenin passando per Betlemme. Lungo questa strada, il 95,5% della popolazione è palestinese e solo il 4,5% è israeliana. Sono 22 palestinesi per ogni israeliano.

Leggi anche:  Una buona notizia da Israele: nascono i Democratici

Ad esempio, a Hebron, bastione di Hamas in Cisgiordania, vivono circa 300.000 palestinesi e 800 ebrei israeliani. Nelle aree di Nablus e Jenin, dove hanno avuto origine i recenti attacchi, ci sono 1,2 milioni di palestinesi e una manciata di ebrei. Gli insediamenti in Cisgiordania non sono tutti uguali. I principali blocchi di insediamenti sono situati in aree in cui c’è consenso sul fatto che saranno sotto la sovranità israeliana in qualsiasi futuro accordo diplomatico.

Le comunità dei blocchi principali si trovano per lo più a ovest della barriera di separazione, in aree prive di una vasta popolazione palestinese. Per questo motivo, non presentano grandi attriti tra israeliani e palestinesi. Vi abitano circa 360.000 israeliani, che rappresentano il 75% di tutti gli israeliani in Cisgiordania. E in effetti, non sono il teatro principale del conflitto.

Questi insediamenti servono in ultima analisi come foglia di fico per coprire gli avamposti, grazie alla falsa affermazione dei leader dei coloni che non c’è differenza tra Betar Ilit, sul confine pre-1967 tra Israele e Cisgiordania, e Homesh, un avamposto isolato nel cuore di una popolazione palestinese. Tutti i luoghi in cui sono sorti questi insediamenti disonesti sono stati scelti con cura per creare una contiguità ebraica nel mezzo di un’area palestinese. Più un insediamento viene spinto in fondo alla gola dei palestinesi, meglio serve al suo obiettivo: impedire la separazione tra le due popolazioni e creare invece un costante attrito violento tra loro, al servizio di una visione distruttiva di uno Stato ebraico con milioni di palestinesi privi di diritti civili.

Chiunque pensasse che questa minoranza radicale non avrebbe dettato il tono nazionale si sbagliava. Sia che stiano “correndo verso le cime delle colline”, come ha sostenuto il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir, sia che stiano effettuando “operazioni di rappresaglia civile”, sembra che il giogo della legge sia stato rimosso.

Il loro cinismo non conosce limiti. Le Forze di Difesa Israeliane sono sotto attacco da parte dei politici, che chiedono sempre più risorse per proteggere i coloni, nonostante la chiara consapevolezza che non c’è alcuna protezione ermetica nella realtà impossibile che loro stessi hanno creato – una realtà in cui israeliani e palestinesi sono pressati l’uno contro l’altro ogni giorno. I militari sanno anche bene che l’impiego di tattiche di distruzione, uccisioni e pressioni costanti – frutto della mente febbrile di politici per lo più privi di una reale esperienza in materia di sicurezza – non farà altro che accrescere i ranghi delle reclute terroristiche.

Leggi anche:  Israele, così è fallita la "Procedura Annibale"

La destra estremista e messianica ha un unico obiettivo dichiarato, che non nasconde: realizzare la promessa divina di sovranità sull’intera Terra d’Israele, indipendentemente dai risultati dell’annessione di milioni di palestinesi. A loro avviso, poiché la strada maestra dell’annessione totale attraverso una legislazione celebrativa è stata bloccata, il caos sul terreno e una realtà sanguinosa possono essere una via di fuga verso l’annessione unilaterale della Cisgiordania.

Poiché la situazione politica non consente l’annessione, nemmeno attraverso una decisione di gabinetto, l’unico modo per raggiungere questo obiettivo è con il sangue e il fuoco – smantellando l’Autorità Palestinese e creando un vuoto di potere. Ci stiamo avvicinando alla fine di questo processo.

L’aumento dell’attrito e il suo contributo all’aumento del terrorismo costringerebbero i servizi di sicurezza ad agire con forza contro le fonti del terrore. Ciò aumenterebbe necessariamente il numero di vittime civili. E se l’establishment della difesa dovesse capitolare alle pressioni dei politici messianici, potrebbe abbandonare la politica che ha saggiamente adottato finora: condurre una guerra senza compromessi contro il terrore, consentendo ai milioni di palestinesi che non ne sono coinvolti di avere una vita dignitosa.

Il risultato inevitabile sarebbe un’escalation di attriti e violenza. Ciò attirerebbe altre truppe regolari e riservisti nell’area, culminando nel crollo dell’Autorità Palestinese, nella piena rioccupazione della Cisgiordania e nel controllo diretto di Israele sulle vite di milioni di palestinesi senza alcuna strategia di uscita. E così, grazie al terrorismo e alle brigate dell’IDF, coloro che si definiscono “sionisti” realizzeranno la distruzione della visione sionista.

In un momento in cui gli israeliani sono (giustamente) concentrati sulla lotta contro la distruzione della democrazia israeliana, la minaccia alla visione sionista rappresentata dagli estremisti messianici che controllano la politica in Cisgiordania sta diventando realtà. Il ritmo degli eventi non consente di affrontare queste due minacce in sequenza. È essenziale fermare gli annessionisti irresponsabili prima che ci costringano tutti a una realtà violenta dalla quale non c’è via d’uscita”.

(parte prima, continua)

Native

Articoli correlati