Israele: i "disertori" politici e i guerrafondai dalla doppia morale
Top

Israele: i "disertori" politici e i guerrafondai dalla doppia morale

In Israele le decisioni militari si sono sempre intrecciate con le non meno complesse e tormentate dinamiche politiche interne, con quest’ultime che hanno sempre più condizionato e orientate le prime.

Israele: i "disertori" politici e i guerrafondai dalla doppia morale
Il ministro della difesa israeliano Gallant
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

16 Giugno 2024 - 16.22


ATF

Come Globalist ha documentato dal primo giorno di guerra, in Israele le decisioni militari si sono sempre intrecciate con le non meno complesse e tormentate dinamiche politiche interne, con quest’ultime che hanno sempre più condizionato e orientate le prime.

“Nel momento del bisogno di Israele, Gantz ha disertato e Smotrich ha tradito i suoi elettori”

A darne conto, su Haaretz, è Israel Harel: “Dopo il disastro del 7 ottobre”, si legge nella lettera di dimissioni redatta da Benny Gantz, Gadi Eisenkot e Chili Tropper, “abbiamo costituito insieme il governo di emergenza. La nostra adesione non era in discussione in quel momento difficile… Il nostro ingresso ha contribuito a diversi risultati del governo… l’unità nazionale e la trasmissione di un messaggio chiaro alla comunità internazionale e ai nostri nemici”.

Leggendo le parole (corrette), ho una domanda da porre ai due capi di Stato Maggiore in pensione e a Tropper, che ha la reputazione (anche secondo me) di essere un uomo onesto che dice ciò che pensa: I giorni dell’emergenza sono finiti? Hamas è stato sconfitto e Hezbollah si è ritirato oltre il fiume Litani, e gli sfollati del sud e del nord stanno tornando a casa e ricostruendo le loro vite? Possiamo tornare alle questioni quotidiane e rivolgere la nostra attenzione al rafforzamento del partito, il cui status (e non solo per essere partner del resto dell’incompetenza del governo di emergenza) sta crollando? E l’opinione pubblica sul vero carattere dei suoi leader si sta chiarendo – e non in modo favorevole. Quale speranza cerca di infondere nei cuori del popolo israeliano preoccupato e abbattuto (molti sostenitori del 64° governo hanno perso la fiducia in Benjamin Netanyahu e nei suoi ministri)? E se la situazione non è migliorata quando lei ha posto il veto durante il gabinetto di guerra, cosa pensa che migliorerà quando se ne andrà? Il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir, il cui potere contrattuale è aumentato, lascerà Netanyahu da solo e agirà improvvisamente in modo responsabile? Le sue dimissioni indeboliranno Hezbollah? Spaventeranno Yahya Sinwar a rinunciare all’assicurazione sulla vita che gli ostaggi gli forniscono? E che dire del vostro continuo contributo all'”unità nazionale”? La missione è terminata e la nazione è più unita ora di quanto non fosse otto mesi fa? La situazione internazionale di Israele è cambiata in meglio grazie all’unità del popolo, al punto che non c’è più bisogno di questa unità, come lei dice, per costituire un “messaggio per la comunità internazionale”? Il Likud, anche se in calo, rappresenta un pubblico distinto, vibrante e pieno di vita. Pertanto, tornerà in sé. Allo stesso tempo, si sta organizzando un campo nazionale al di fuori del Likud. Quando si formerà, il vostro partito, che pretende di essere “statista” (così come il partito di Bezalel Smotrich pretendeva di essere “sionismo religioso”), scomparirà come altri partiti inconsistenti del passato. Una parte consistente dei suoi membri opterà per il nuovo campo nazionale, una minoranza si unirà ai partiti di sinistra. I loro leader si uniranno alla minoranza e sprofonderanno nell’oblio.

Leggi anche:  C'è una Corte che fa giustizia in Palestina: per questo è oltraggiata da Israele

Il sionismo religioso, quello senza virgolette, ha un’ideologia e un’infrastruttura pubblica ampia, diversificata e radicata. Anche tra i suoi membri liberali non ci sono voci di disperazione, né appelli a schivare la leva (tutti parlano giustamente degli ultraortodossi che schivano la leva. Nessuno, per qualche motivo, menziona le migliaia di renitenti alla leva laici, o coloro che fuggono dallo Stato nel momento di difficoltà. La loro fuga viene elogiata in questo giornale). Ha un grande movimento giovanile, che educa, come tutti i movimenti giovanili erano soliti educare, a insediarsi e a costruire il Paese. Ha creato scuole, un glorioso movimento di colonizzazione (sì, sì) e ha iniziato a capire l’importanza della comunicazione di massa. Nonostante questi risultati, non è riuscita – anzi, non è riuscita – a far crescere una degna leadership politica. Il tradimento di Smotrich e dei suoi colleghi, che hanno votato a favore di una legge per l’elusione della leva, dimostra quanto sia profondo il divario tra il pubblico che contribuisce e si sacrifica e coloro che pretendono di rappresentarlo in politica”.

La politica e le armi

Di grande interesse è la ricognizione a tutto campo fatta, sul quotidiano progressista di Tel Aviv, da uno dei più accreditati analisti militari israeliani: Amos Harel.

Annota Harel: “L’esplosione del blindato a Rafah, sabato mattina, in cui sono rimasti uccisi otto soldati dell’Israel Defense Forces Combat Engineering Corps, esemplifica l’alto prezzo che Israele continua a pagare per i combattimenti nella Striscia di Gaza.

Mentre il Primo ministro Benjamin Netanyahu continua a spacciare la “vittoria totale” che si suppone sia dietro l’angolo, e mentre l’esercito lo implora di ritirare le forze da Gaza, sostenendo che il risultato significativo è già stato raggiunto, la realtà della guerra si sta rivelando. Hamas non sta ingaggiando molti scontri diretti con le forze israeliane a Rafah, ma sta lasciando dietro di sé un numero sufficiente di grandi ordigni esplosivi e di edifici con trappole esplosive per causare perdite da parte israeliana.

L’operazione a Rafah è in corso da cinque settimane, dopo essere stata rinviata prima di allora per due mesi. L’amministrazione statunitense ha posto richieste e riserve a Israele, e soprattutto la preoccupazione di danneggiare la grande popolazione di rifugiati palestinesi che è stata spinta in città. Dopo che la maggior parte degli abitanti se n’è andata sotto la minaccia di Israele, l’IDF ha iniziato un’operazione limitata a Rafah, lavorando da un unico quartier generale di divisione, invece dei due inizialmente previsti. Israele ha rapidamente completato l’occupazione del corridoio Philadelphi lungo il confine con l’Egitto, ma all’interno della stessa Rafah l’Idf ha compiuto progressi relativamente lenti.

Finora è stata completata l’occupazione di meno della metà della città. A Rafah operavano quattro battaglioni di Hamas prima dell’invasione israeliana. Anche se sembra che l’organizzazione abbia assorbito centinaia di vittime negli scontri – tra cui diverse decine sabato – pare che gran parte del suo personale sia fuggito a nord per evitare perdite.

Leggi anche:  Attacco con droni a Tel Aviv: un morto, due feriti e gli Houthi rivendicano l'azione

Non è certo che la leadership sia particolarmente preoccupata per quanto sta accadendo in città, a parte la questione di Philadelphi. Il corridoio è essenziale per Hamas per continuare a gestire la sua rete di tunnel di contrabbando dall’Egitto.

Il veicolo blindato modello Namer che è saltato in aria ed è stato completamente distrutto sabato era guidato da una squadra di sminamento di una compagnia di ingegneria da combattimento dell’esercito regolare. Tutti i membri del veicolo, un ufficiale e sette soldati, sono rimasti uccisi.

In seguito alle prime indagini, la valutazione dell’Idf è che il veicolo sia stato fatto saltare in aria da un grosso ordigno esplosivo. Sulle pareti esterne del veicolo erano stati fissati dei supporti per il trasporto di mattoni esplosivi e mine, che l’Idf utilizza per far saltare in aria edifici e tunnel. L’esplosione del portapersone potrebbe aver provocato un’esplosione secondaria di queste attrezzature, aggravando il disastroso risultato.

L’incidente è avvenuto al mattino presto, dopo che una squadra di combattimento della Brigata corazzata 401 aveva completato l’occupazione di edifici nel quartiere di Tel a-Sultan. Le forze si apprestavano a prendere posizione in altri edifici, prima che facesse giorno, quando il veicolo blindato si è imbattuto in un ordigno esplosivo, in un luogo dove diversi altri veicoli blindati lo avevano preceduto indenni.

Il disastro di Rafah è avvenuto sullo sfondo di un peggioramento del disaccordo tra il governo e i militari. Da una ricostruzione fornita da Yedioth Ahronoth, venerdì il Capo di Stato Maggiore Herzl Halevi ha dato la sua versione del famoso consiglio che il Presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson ricevette quando il suo Paese si impantanò nella guerra del Vietnam: “Dichiara la vittoria e torna a casa”.

Secondo Halevi, l’Idf è sul punto di sconfiggere militarmente Hamas, cosa che avverrà presto, dopo aver inflitto danni ai restanti battaglioni di Hamas a Rafah. In questo caso, non c’è motivo di preoccuparsi di terminare la guerra in questo formato mentre si cerca un accordo per il rilascio degli ostaggi. In questo modo, sarà possibile concentrarsi sui preparativi per l’escalation del fronte con Hezbollah in Libano e, se necessario, tornare nella Striscia di Gaza e completare il colpo ad Hamas.

La proposta di Halevi è molto logica: è più o meno quello che l’ex capo di gabinetto (e membro del partito di unità nazionale) Gadi Eisenkot ha raccomandato nel mese scorso, quando era membro del gabinetto di guerra.

Tuttavia, sembra che la descrizione dei danni per Hamas sia troppo ottimistica. Anche se più di un terzo della forza armata dell’organizzazione è stata effettivamente uccisa, come valuta l’esercito, non si tratta di una sconfitta totale dell’organizzazione perché non è possibile misurare la lotta nei termini utilizzati per valutare un conflitto con un esercito organizzato.

In molte aree, Hamas ha sostituito il suo formato militare con l’opzione predefinita: un’organizzazione sciolta di forze terroristiche e di guerriglia. Sembra che non manchino nuove reclute che, dopo un breve addestramento e in cambio di un misero stipendio, sono pronte a imbracciare le armi di base – un fucile Kalashnikov o una granata a propulsione di razzi (RPG) – e ad agire contro l’Idf.

Leggi anche:  Barack vuole che Israele entri nell'asse della moderazione, unica alternativa a una guerra folle

Non si può ignorare che all’interno della Striscia di Gaza, soprattutto negli assalti, le forze israeliane rimangono relativamente vulnerabili. Hamas sfrutta molto bene i suoi punti deboli, che sono anche legati all’erosione e al pesante fardello delle missioni assegnate alle forze.

Molti degli attacchi delle forze israeliane avvengono all’interno degli ingressi dei tunnel, o dall’occultamento all’interno delle case dei civili, così come dall’interno dei locali delle Nazioni Unite che fungono da rifugio per migliaia di famiglie palestinesi.

La raccomandazione dell’esercito di concentrarsi ora sui negoziati per il rilascio degli ostaggi deriva da un pesante obbligo morale nei loro confronti, da parte dell’alto livello di comando sotto il cui controllo è avvenuto il massacro del 7 ottobre.

Si basa anche sulla consapevolezza che non è possibile replicare nel prossimo futuro, in larga misura, l’impressionante operazione che ha salvato quattro ostaggi nel campo profughi di Nuseirat il 7 giugno.

Il problema è che la finestra di opportunità per raggiungere un accordo è stata ampiamente sprecata. Il Primo ministro Benjamin Netanyahu ha intenzionalmente tentennato sugli sforzi per arrivare a un accordo nei primi mesi di quest’anno. Nelle ultime settimane, è Hamas che ha inasprito le sue richieste.

E in ogni caso, è chiaro che la leadership dell’organizzazione nella Striscia di Gaza non è pronta per un accordo in questo momento, se non include un impegno per un cessate il fuoco completo e a lungo termine, con garanzie dietro l’accordo da parte di Paesi stranieri.

Netanyahu, che non ha avuto alcuna remora a violare il sabato e si è precipitato a farsi riprendere dalle telecamere mentre incontrava gli ostaggi salvati, è immobile quando, una settimana dopo, arrivano brutte notizie dalla Striscia di Gaza.

Fornire una versione ‘mediatica ‘alla nazione della morte di molti soldati? Questo è già un compito per il portavoce dell’Idf Daniel Hagari. La tempistica di queste informazioni non è conveniente per il Primo ministro: I soldati dell’ingegneria di combattimento sono stati uccisi a pochi giorni dal voto della Knesset sulla legislazione volta a legittimare l’elusione di massa del servizio militare da parte degli ultraortodossi.

Nei prossimi giorni sono previsti ulteriori provvedimenti legislativi che aumenteranno l’onere per le persone che prestano servizio nell’esercito regolare e per i riservisti. In un momento in cui Netanyahu si mostra impermeabile alla rabbia di molte parti dell’opinione pubblica, la macchina del veleno a suo nome sui social network, con l’incoraggiamento del figlio Yair, è tornata ad attaccare il capo di stato maggiore dell’Idf e il capo del Mossad Ronen Bar. Il breve periodo di grazia concesso dall’operazione di salvataggio è terminato”.

(prima parte, continua)

Native

Articoli correlati